Germania, oltre 134mila contagi e 3800 decessi, ma continuano a calare i casi attivi. Il bollettino Land per Land

La situazione in Germania alle 9:30 del mattino di giovedì 16 aprile

Si rialza, ma di poco, il numero ufficiale dei nuovi contagi giornalieri in Germania. Nella giornata di ieri, mercoledì 15 aprile, sono stati registrati 2543 nuovi casi e ben 309 decessi, per un totale rispettivamente di 134753 e 3804. Calano di 1857 unità i casi attivi che passano da 55806 a 53949, di questi l’8% è in serie condizioni. I dati hanno convinto il governo federale e i governatori dei vari stati ad allentare le restrizioni nelle prossime settimane. Questi punti principali della conferenza stampa di ieri:

  • Le norme sul distanziamento sociale tra le persone è prolungato fino al 3 maggio.
  • Dal 4 maggio riaprono le scuole primarie e superiori per le classi che hanno esami quest’anno. È possibile poco dopo l’apertura anche di altri classi. Si raccomanda ogni istituto di cercare di creare gruppi ridotti di studio.
  • Non ci sarà un obbligo di mascherine, ma lo stato consiglierà fortemente a tutti i cittadini il loro utilizzi sui mezzi pubblici e nei negozi
  • Commercio al dettaglio e negozi con una superficie di vendita fino a 800 metri quadrati possono riaprire da lunedì 20 aprile. Indipendentemente dalla loro grandezza possono riaprire i rivenditori di auto, i rivenditori di biciclette e le librerie. Tutti possono ospitare un numero limitato di clienti all’interno.
  • I grandi eventi sono annullati fino al 31 agosto. Ogni regione deciderà però precisamente cosa si intende per grande eventi
  • Parrucchieri, massaggiatori, tatuatori e altri servizi dove la vicinanza fisica è imprescindibile possono riaprire dal 4 maggio a patto che siano rispettate tutte le norme igieniche.
  • Ristoranti, bar e pub rimangono chiusi fino a nuovo ordine.
  • Messe e riti religiosi in generale sono vietati fino a nuovi ordini.
  • Hotel aperti e disponibili solo se non per fini turistici

Il bollettino Land per Land

Ben 1229 dei 2543 nuovi casi di ieri in tutta la Germania sono stati registrati in Baviera. Lo stato del sud passa da 33913 a 35142 contagi ufficiali, frutto probabilmente anche del  tentativo di eseguire tamponi sul tutto il territorio. Sale drammaticamente anche il numero di decessi, da 891 a 1049, ovvero 159 (più della metà di quelli avvenuti complessivamente in Germania ieri, 309). Più contenuta l’epidemia in NordReno-Vestfalia, con “soli” 477 casi e 41 decessi in più rispetto al giorno precedente e in Baden-Württemberg (761 e 64 in più). Qui la tabella di contagi totali, guarigioni e decessi.

Berlino, il bollettino quartiere per quartiere

“Dobbiamo tutti essere consapevoli del fatto che siamo ancora in una pandemia . È importante poter concordare di riaprire le scuole  e offrire ai rivenditori l’opportunità di iniziare a operare, ma solo rispettando rigorose condizioni igieniche”, ha dichiarato ieri il sindaco Michael Müller durante la conferenza stampa indetta con Angela Merkel e gli altri governatori. In città al momento ci sono 4870 4667 casi e 74 decessi, rispettivamente 203 e 12 in più del giorno precedente, meno dei giorni precedenti. L’età media dei decessi è 81 anni.  Nella tabella qui sotto potete vedere il numero di contagi e di decessi per quartiere.

Un occhio ai dati: Johns Hopkins vs Robert Koch Institut

I dati che prendiamo sono presi dalla Johns Hopkins University, la prestigiosa università statunitense che – a differenza del Robert Koch Institut – aggiorna i suoi dati attraverso diverse fonti, comunque tutte attendibili, come le autorità sanitarie di ogni regione, la pagina dell’OMS e le segnalazioni di medici e statistici.

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *