Berlino, possibile divieto del consumo di alcol nei bar

L’Assessore alla salute di Berlino, Dilek Kalayci, sta considerando di vietare il consumo di alcol nei bar della città. Kalayci ha sottolineato che potrebbe essere attuato se il numero di infezioni continuasse ad aumentare in modo significativo.

L’Assessore alla Salute del Senato di Berlino ipotizza il bando della vendita di alcol nei bar cittadini. In altri stati federali è stata già presa una decisione simile: Amburgo, ad esempio, aveva imposto una sorta di divieto di servire bevande alcoliche in determinate strade della città. Anche in alcune zone della Baviera erano state introdotte normative simili. A giugno il Senato di Brema aveva già vietato la vendita di alcolici durante la notte a causa delle persistenti violazioni delle misure. Dopo i disordini di Stoccarda e Francoforte sul Meno, secondo un sondaggio della ZDF, la maggioranza dei tedeschi si era espressa a favore del divieto di consumare alcolici nei luoghi pubblici.

Le dichiarazioni del Ministro

Già lunedì scorso il politico aveva criticato la negligenza dei ristoratori nell’affrontare le attuali regolamentazioni. “Nel frattempo, penso anche che sia giusto considerare un divieto dell’alcol in mancanza di disciplina nei ristoranti”, ha dichiarato al “Berliner Morgenpost”. Nei pub e nei bar di Berlino, la polizia continua ininterrottamente a controllare il rispetto delle misure del regolamento per il Coronavirus. “Nei ristoranti, le persone spesso sono molto vicine, e se si beve alcol diventa tutto più difficile”, ha detto Kalayci. Spesso non vengono rispettate le regole di distanza e di igiene. Riguardo all’obbligo di documentazione, altra regola che viene purtroppo tralasciata, ha dichiarato: “Così non è possibile. I ristoratori devono chiedere i dati degli ospiti, che devono ovviamente essere forniti corretti”. Anche le multe devono essere inflitte in modo coerente. “Assolutamente nessuna comprensione”. Il Ministro degli Interni Andreas Geisel (SPD) sta già lavorando con i distretti per rafforzare l’ordine pubblico.

Le critiche

Il Ministro della cultura Klaus Lederer (partito Die Linke – La Sinistra) ha twittato: “Questo #Alkoholverbot-Nummer (numero del divieto dell’alcol) è come una pistola da bandito. Non contribuisce al contenimento della pandemia”. Più tardi ha scritto  che “non è intelligente condividere idee attraverso i media, invece di considerare e discutere di effetti e danni collaterali in almeno tre giorni”. L’Assessore all’Economia Ramona Pop ha scritto su Twitter che è responsabilità di tutti rispettare la distanza, le protezioni e le misure igieniche per mantenere basso il numero di nuovi infetti. Ha continuato dicendo che a polizia e le autorità devono far rispettare le regole e che “Le discussioni proibizioniste non aiutano”.

Leggi anche: Siriano sventa stupro e diventa eroe in Germania

Studia tedesco via Zoom/Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Flickr

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *