Come la Germania sta combattendo con successo la dipendenza da slot machine

Slot Machine: un fenomeno controllato

La ludopatia è un problema serio, spesso sottovalutato, che colpisce moltissime persone in tutto il mondo. Così come le droghe e l’alcol, la dipendenza da gioco è in grado di stravolgere lo stato mentale di un individuo, portandolo dentro a un circolo vizioso da cui è molto difficile uscire. In Germania da anni si affronta questo tema cercando di estirpare il problema alla radice, ad esempio riducendo le slot machine. Come ha riportato Berliner Morgenpost, tutto è iniziato con una legge in vigore dal 2012 che impone per i locali con le slot machine una distanza minima da scuole e strutture per i giovani. Un modo per disincentivare i ragazzi ad avvicinarsi a questi giochi pericolosi e che limita fortemente gli spazi per questo genere di macchine.

[adrotate banner=”34″]

Cosa è cambiato a Berlino

Berlino è una delle città tedesche dove le slot machine sono più in decrescita. Lo dicono i dati. I permessi sono diminuiti e dei 587 locali in cui erano presenti slot machine nel 2011, quasi 200 hanno chiuso. Il numero di macchine invece è passato da più di 5.000 a quasi 3.000. Un avvenimento non uniforme per tutte le zone della capitale. In quartieri come Mitte, Neukölln, Charlottenburg-Wilmersdorf o Friedrichshain-Kreuzberg le slot machine sono sempre di meno. In altri, come Tempelhof-Schöneberg o Reinickendorf, non sono diminuite.

Le entrate fiscali

Le slot machine rappresentano un importante gettito fiscale a livello municipale. Questi strumenti sono infatti tassati dall’imposta sul divertimento e da quella commerciale e la tassa sul divertimento è versata dai gestori direttamente alle municipalità come tassa governativa. Quindi il decremento di questi dispositivi rappresenta una perdita per le casse municipali. Per questo motivo è particolarmente importante la ricerca e la chiusura delle slot machine illegali, ovvero quelle non dichiarate, che sono molto diffuse in tutto il paese. Infatti non solo sono deleterie come le altre, ma, essendo abusive, non sono nemmeno tassate.

[adrotate banner=”39″]
Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Immagine di copertina: © Bru-nO, CC0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *