Germania, decine di migliaia di persone in strada contro le restrizioni

In Germania cresce il movimento contro la gestione della situazione Coronavirus e diverse città diventano teatri di manifestazioni di protesta

Diecimila persone a Stoccarda, 3mila a Monaco e vari altri gruppi, in questo caso non superiori a 50, a Berlino , Francoforte, Dortmund e altre città tedesche. È il conto delle persone scese in strada nel weekend in Germania per protestare contro le attuali restrizioni alle libertà personali. Chi con la mascherina, chi senza, chi rispetto la distanza di sicurezza, chi facendo come nulla fosse, hanno esposto cartelli, gridato slogan e cercato un confronto con le forze di polizia.  Come riporta la Stuttgarter Zeitung, l’organizzazione della manifestazione aveva chiesto un permesso per 50mila dimostranti, ridotto a 10mila dal comune per evitare il mancato rispetto, anche solo potenziale, delle nome di sicurezza.

Le ragioni dei manifestanti

Ad aver organizzato il tutto è stato il movimento Querdenken 711 fondato dall’imprenditore nell’IT 45enne Michael Ballweg per, a suo avviso, “difendere i diritti fondamentali e spingere  a nuove elezioni in Germania a fine ottobre 2020, circa un anno prima della  fine naturale della legislazione”. Tra i relatori dell’incontro di Stoccarda c’è stato anche il discusso youtuber complottista Ken Jebsen: il suo ultimo video contro Melinda e Bill Gates e che relativizza l’Olocausto ha raggiunto milioni di spettatori sul suo canale.

Il timore del governo

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Photo: © screenshot – Youtube

1 commento
  1. enrica duce
    enrica duce dice:

    Insegnera’ il coronavirus agli Italiani a non avere più falsi sensi di inferiorità verso i tedeschi???Il governo tedesco non ha partecipato alla creazione del virus , come quello italiano. Perchè non prelevare a forza un gruppo, a turno, di negazionisti e metterli in sala di rianimazione???Dopo la caduta dell’impero romano ..esistono ancora i barbari..e noi ci prostriamo, da ottant’anni alla loro falsa cultura che non è altro che materialismo: esiste solo ciò che tocchi, anche inquinare va bene, basta non si veda, basta non ragionare, non reagire perchè importante è avere la connessione anche in bagno. Noi Italiani, però abbiamo avuto Giovanni Falcone e Paolo Borsellino che non sono morti per facebook! Non abbiamo il pianeta B, o ci riprendiamo la nostra cultura o moriamo. Grazie

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *