Digitalizzazione? Su qualcosa la Germania si scopre indietro di 10 anni rispetto al resto del mondo

La Germania e le “nuove” tecnologie: una relazione spesso complicata.

Che i tedeschi siano sempre all’avanguardia quando si tratta di nuove tecnologie sembra essere un falso mito. Come riportato da The Local, qualche giorno fa il giornale tedesco locale Hamburger Abendblatt celebrava le casse automatiche come l’invenzione del futuro, sottolineando quanto il loro impiego nella città di Amburgo sia aumentato negli ultimi mesi. Peccato che per il resto del mondo si tratti di un’invenzione che appartiene al decennio scorso.

Le casse self-service in Germania

È innegabile che in Germania l’utilizzo delle casse self-service si sia diffuso sempre più negli ultimi due anni. Il supermercato tedesco Rewe è stato senza dubbio un pioniere in questo ambito, installando le prime casse automatiche nel 2012. Tuttavia nel caso della Germania si parla ancora di uno stadio embrionale di sviluppo: se nei negozi di generi alimentari in tutto il Paese si contano circa 200.000 cassieri, esistono soltanto 1.450 casse automatiche. La scarsa diffusione delle casse self-service in Germania sembra avere parzialmente a che fare con la diffidenza de i tedeschi nei confronti di questo tipo di tecnologie: ai tempi dell’introduzione dei primi dispositivi automatici, il portavoce di Rewe, Thomas Bonrath, aveva rassicurato i tedeschi dichiarando che «la tecnologia non avrebbe preso il sopravvento dall’oggi al domani»; anche una filiale di Zara ad Amburgo che a dicembre 2017 aveva installato alcune casse automatiche nel negozio ha ammesso che i dispositivi non riescono a prendere piede e che i clienti continuano a preferire le casse tradizionali anche a costo dei tempi di attesa più lunghi.

[adrotate banner=”34″]

La diffidenza dei tedeschi verso le nuove tecnologie

A cosa sarà dovuta la riluttanza dei tedeschi ad affidarsi alle nuove tecnologie? Secondo Martin Fassnacht, professore presso l’Università privata di economia e management WHU di Düsseldorf, la risposta è semplice: «I tedeschi hanno difficoltà ad abituarsi alle cose nuove, semplicemente non ne comprendono il senso» queste le parole di Fassnacht. In altre parole trovano che il servizio svolto dai tradizionali cassieri sia buono e non vedono il motivo di cambiare lasciando il noto per l’ignoto.

Indubbiamente le casse self-service consentono di ridurre i tempi di attesa nei negozi. Inoltre uno studio ha rivelato che i clienti tendono a spendere il 30% in più se non si sentono giudicati da un cassiere. Tuttavia l’impiego di queste tecnologie è principalmente dovuto alla necessità di ridurre i costi e dunque di retribuire sempre meno personale. Di questo meccanismo i tedeschi sono perfettamente coscienti, stando a quanto dichiarato da Heike Lattekamp, portavoce del sindacato Ver.di: «I tedeschi sono consapevoli del fatto che l’impiego di casse self-service altro non è che un tentativo dei supermercati di caricare il cliente di più lavoro riducendo i costi. Anche a questo è dovuta la loro ritrosia ad utilizzarle».

[adrotate banner=”39″]

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Foto di copertina: Self Checkout © pin add CC BY 2.0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *