Germania, sequestrate ad Amburgo 1,5 tonnellate di cocaina

Amburgo: sequestrate 1,5 tonnellate di cocaina del valore di 300 milioni di euro

Nella città di Amburgo sono state sequestrate 1,5 tonnellate di cocaina, dal valore pari a 300 milioni di euro. I funzionari dichiarano che il commercio internazionale di droga continua a progredire nonostante la chiusura temporanea dei confini durante la pandemia. Si tratta di una delle più grandi quantità di cocaina mai sequestrata nella città di Amburgo. Secondo le fonti del quotidiano locale Hamburger Abendblatt «le 1,5 tonnellate di cocaina sequestrate potrebbero essere una droga altamente pura da poter triplicare il suo valore di vendita». La nave – CMA CGM Jean Gabriel- che trasportava il container era riuscita ad attraccare al porto di Amburgo alla fine di giugno. Da qui il container sarebbe stato caricato su una nave feeder insieme ad altri 11 container per il trasporto, poi essere trasferita in Polonia.

La scorta di cocaina

L’enorme quantità di droga, che ha un valore stimato di circa 300 milioni di euro, è stata nascosta tra alcuni sacchi di riso all’interno del container proveniente dalla Guyana. Gli investigatori del Joint Custom and Police Investigation Group (JIT) avrebbero ricevuto una soffiata sul traffico di droga. Il container che trasportava la cocaina è stato poi fatto spostare all’ufficio doganale di Waltersof ed esaminato in una struttura di prova. Gli agenti hanno trovato 47 pacchi di grandi dimensioni nascosti fra i sacchi di riso. All’interno di quei pacchi è stato trovato un totale di 1277 piccoli pacchi di cocaina. Su ogni confezione sono stati posti diversi simboli e disegni, fra cui la faccia di un gatto, il gallo caratteristico della Francia e il tipico semaforo tedesco. Altri pacchetti invece, sono stati contrassegnati dallo stesso logo. Le autorità hanno presunto che la cocaina sarebbe stata distribuita dalla Polonia ad altri acquirenti in tutta Europa che avrebbero in seguito venduto la droga a spacciatori di strada. Non si tratta di un primo caso. Lo scorso anno sempre ad Amburgo, i doganieri hanno sequestrato 4,5 tonnellate di cocaina del valore di quasi 1 miliardo di euro. Il narcotico è  stato trasportato da una nave dall’Uruguay ed era destinato a raggiungere la città di Anversa in Belgio.

Come la pandemia ha influenzato l’uso di droga

Probabilmente, la pandemia portata da Coronavirus ha influenzato in modo sostanziale l’uso di droghe legali e illegali. Secondo alcune fonti, i prezzi all’ingrosso di eroina e cocaina sono aumentati dopo la chiusura dei confini. La dottoressa Karenza Moore che studia l’uso di droga nei club inglesi, ha notato come la domanda di ketamina e MDMA sia notevolmente ridotta. Calo che è stato notato per la prima volta fra i mesi di marzo e aprile 2020, in pieno Lockdown. Ed è proprio durante la pandemia che la richiesta e l’uso di droghe come la ketamina e la cocaina e di droghe tipicamente rilassanti, quali la cannabis e le benzodiazepine, ha subito rapidi cali. A lungo termine, la produzione e il trasporto di droghe illegali possono avere implicazioni durature sulla disponibilità e sul prezzo, con conseguenze sconosciute sulle preferenze di consumo e sui danni associati portati dagli stupefacenti.

Leggi anche: Covid, la Germania consente alle coppie non sposate di riunirsi

Studia tedesco via Zoom/Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

 

Immagine di copertina: Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *