2500 infermieri a Berlino hanno scioperato per gli stipendi troppo bassi

Migliaia di infermieri degli ospedali Charitè e Vivantes – tra le principali strutture sanitarie di Berlino – hanno incrociato le braccia per tre giorni

Da lunedì 23 a mercoledì 25 agosto circa 2.500 infermieri dei tre campus Charitè e degli otto ospedali Vivantes hanno scioperato portando alla cancellazione di 2.000 appuntamenti. La dimostrazione di avvertimento era stata annunciata dal sindacato dei Verdi per migliorare le condizioni di lavoro e per aumentare gli stipendi degli infermieri. Gli ospedali sono tornati alla loro normale attività a partire da oggi, giovedì 26 agosto. Nonostante il blocco di tre giorni, le due parti non hanno ancora raggiunto un accordo sulle richieste di sindacato e lavoratori.

Si rischia un nuovo sciopero degli infermieri

Venerdì 27 agosto ci sarà un nuovo tavolo di trattative in cui verrà discusso il miglioramento del contratto collettivo. Inoltre verrà chiesto ai dirigenti di Charitè e Vivantes di aumentare il numero di infermieri nei vari reparti, per evitare che gli attuali dipendenti debbano continuare a effettuare turni massacranti, soprattutto a causa della pandemia. Se anche venerdì non dovesse essere raggiunto un accordo tra le parti, il sindacato ha dichiarato che gli infermieri incroceranno nuovamente le braccia a partire da lunedì 30 agosto. Questa volta, però, lo sciopero potrebbe durare più di tre giorni, causando molti disagi.

L’opinione pubblica supporta le richieste degli infermieri

Nonostante i disagi arrecati ai pazienti, la popolazione ha appoggiato lo sciopero degli infermieri. Come riportato da Rbb24 sono stati centinaia i messaggi in supporto ai dipendenti di Charitè e Vivantes. Molti commentatori hanno ringraziato gli infermieri per l’impegno con cui hanno affrontato i turni di lavoro per far fronte all’emergenza sanitaria provocata dalla pandemia, definendoli eroi. “È così che trattiamo i nostri eroi? Non riesco a credere che vengano pagati così poco. Piena solidarietà alle loro proteste” ha commentato uno dei lettori.

Leggi anche Coronavirus in Germania, il bollettino settimanale: contagi, decessi, ricoveri e campagna vaccinale

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

 

 

Immagine di copertina: Sciopero infermieri Charitè – Vivantes Screenshot da YouTube

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *