cdb

Il CBD: caratteristiche ed effetti sul corpo umano

Tutto quello che c’è da sapere sul CDB e i suoi effetti

Tra il conoscere e il sapere c’è sempre un’enorme differenza. Ormai tutti avranno sentito nominare il CBD quando si parla di Cannabis light. È ormai comune trovare a ogni angolo negozi che vendono erba legale di qualità, e nelle etichette dei loro prodotti si legge spessissimo questa sigla. È certo dunque che si tratti di una sostanza contenuta nella canapa legale, anzi è il suo elemento principe. Tuttavia molti ignorano di cosa si tratti davvero e di quali siano le sue proprietà e i suoi effetti. Affrontare l’argomento non è un semplice sforzo di erudizione ma è importante per conoscere con precisione le caratteristiche principali di questo prodotto tanto discusso. Si tratta di un tema che tocca anche la salute del corpo, per cui ignorarlo significa ignorare anche questo importante aspetto. In questo articolo descriveremo cosa sia il CBD, quali siano le sue proprietà e per cosa può essere utilizzato

CBD e THC: in cosa sono differenti

La pianta della Cannabis è ricercata principalmente per la presenza di 2 sostanze, prodotte dalle infiorescenze essiccate degli esemplari femminili: il THC (tetraidrocannabinolo) e il CBD (cannabidiolo). Il primo è una molecola psicotropa, dunque stupefacente, e in Italia è considerata illegale. Per quanto riguarda il cannabidiolo, non avendo effetti narcotici è invece perfettamente lecita. La legalità della Cannabis light sta proprio nel contenuto di questi 2 cannabinoidi: in quanto lecito, il CBD può raggiungere anche alte concentrazioni, il THC invece non deve superare lo 0,2%. In natura la Cannabis produce normalmente molto più di THC di quello consentito. Perciò, per rientrare nei limiti di legge, in passato coltivatori selezionavano le varietà con più basso tenore di THC per ottenere delle piante a norma di legge. Attualmente non c’è più bisogno di effettuare complicate procedure di incrocio per coltivare canapa legale. Esistono infatti delle vere e proprie banche di semi di Cannabis che raccolgono una miriade di varietà diverse di genetiche. Le aziende che operano nel settore della canapa possono quindi, all’occorrenza, trovare i semi più adatti alle proprie esigenze presso queste banche.

Così il CBD agisce sul nostro corpo

Gli effetti del CBD si verificano in seguito alla sua interazione con dei particolari recettori nervosi che costituiscono il sistema endocannabinoide. Si tratta di un sistema che viene attivato da molecole prodotte dal nostro corpo dette endocannabinoidi, che vengono rilasciate nei momenti di relax e benessere. Gli endocannabinoidi sono estremamente simili ai cannabinoidi, e dunque anche questi ultimi possono interagire con gli stessi recettori. L’azione del cannabidiolo è influenzata dalle sostanze con le quali è accompagnato, con cui esercita l’effetto “entourage”. Quest’ultimo consiste nel potenziamento vicendevole di diversi elementi che operano in sinergia. Per liberare l’intero potenziale del CBD è dunque necessaria la presenza delle altre molecole normalmente presenti nelle infiorescenze, come terpeni e flavonoidi.

Le proprietà associate alla Cannabis

Sugli effetti del CBD sul corpo umano si discute ancora tanto. La scienza non ha ancora in mano dati inconfutabili ma la ricerca si sta occupando della Cannabis già da diverso tempo. Come risultato, nel corso degli anni sono state associate alla canapa diverse proprietà benefiche tra cui:

  • miglioramento della qualità della vita dei malati di Parkinson – secondo uno studio di alcuni ricercatori brasiliani condotto nel 2014;
  • azione anticonvulsivante – scoperta nel 1973 da un team di ricercatori americani;
  • riduzione dei sintomi della sclerosi multipla – attualmente esiste un farmaco contro la sclerosi a base di Cannabis, il Sativex, che è stato approvato in oltre 30 Paesi, compresa l’Italia;
  • ausilio nella riduzione del dolore neuropatico in patologie come l’AIDS – come proposto da una ricerca dell’Università di San Francisco e confermato da uno studio portato avanti in Israele in ambito ospedaliero;
  • trattamento dell’epilessia refrattaria – lo sostiene un recente studio realizzato dal Centro Medico Universitario di Lubiana in Slovenia.

In Italia l’utilizzo della Cannabis a scopo terapeutico è legale e, nei casi di gravi malattie, totalmente a spese dello Stato. Naturalmente è possibile ottenere questo tipo di farmaci solo attraverso impegnativa sanitaria ed è tassativo seguire scrupolosamente le indicazioni del medico curante. La strada verso la totale conoscenza degli effetti della Cannabis e delle molecole in essa contenute è ancora lunga. Dunque è consigliabile evitare qualunque decisione autonoma di utilizzo di canapa a scopo terapeutico. La scelta giusta per la propria salute rimane sempre quella di affidarsi ai medici e seguire i loro consigli.

In conclusione

Ecco le informazioni principali da conoscere per orientarsi nel mondo del cannabidiolo. Sapendo a cosa si va incontro sarà molto più semplice farsi un’idea chiara su una sostanza controversa e discussa come il CBD. Esiste una scelta davvero vasta di articoli in tutti i maggiori shop di Cannabis, compreso Justbob.it, il numero uno del settore in Italia.

 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche suFacebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *