Zentrum Kreuzberg, storia dei decadenti palazzoni di Kottbusser Tor simbolo, loro malgrado, di Berlino

Berlino e Zentrum Kreuzberg: uno sguardo più vicino ai massicci palazzi a Kottbusser Tor

Il Zentrum Kreuzeberg a Berlino, nonché ex “Neue Kreuzberger Zentrum”, è un massiccio edificio residenziale costruito intorno agli anni ’70 dagli architetti Jokisch e Uhl. Il palazzo con i suoi dodici piani si trova nel quartiere di Kreuzberg nella piazza di Kottbusser Tor. L’edificio ha forma semicircolare e si situa nel lato settentrionale della piazza. Esso divide Adalbertstraße e Dresdner Straße, che storicamente conducevano entrambe alla piazza di Kottbusser Tor. L’idea dei due architetti Jokisch e Uhl era quella di costruire un grande edificio, per questo motivo il palazzo ha ben dodici piani con 367 appartamenti, due parcheggi multipiano e 15.000 m² di spazio commerciale. Dato l’elevato numero di appartamenti, si stima che nel Zentrum Kreuzberg oggi abitino circa mille persone, provenienti da 12 nazioni diverse: ci vivono infatti turchi, arabi, croati, serbi, polacchi, bulgari, spagnoli, svedesi, thailandesi, persiani, americani e, ovviamente, tedeschi. Dopo varie modifiche del palazzo, intorno agli anni 2000 si scelse anche di cambiare nome all’edificio, ponendo fine così alla NKZ e presentandolo come Zentrum Kreuzberg.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MARTIN RUCKERT (@martin_ruckert)

Il progetto del Zentrum Kreuzberg

La scelta di erigere il Neue Kreuzberg Zentrum aveva un motivo ben preciso: proprio dietro l’edificio semicircolare di Kottbusser Tor, doveva essere costruita la circonvallazione autostradale con svincolo sull’Oranienplatz, perciò era necessaria un’enorme barriera visiva e acustica. Il progetto dell’edificio residenziale NKZ concluso nel 1974,  doveva includere un mercato, un asilo, una terrazza sul tetto, un locale per la lettura e un’area giochi. Tuttavia, nessuna di queste sezioni fa mai realizzata. Intorno agli anni ’80, il Governo decise di rinnovare il palazzo nominando Peter Ackermann, come amministratore e manager del progetto. Ackerman si consultò con i residenti per migliorare l’edificio. Tra le proposte di modifiche urbanistiche si pensò alla conversione del parcheggio multipiano di Dresdner Straße in una scuola materna. Inoltre, la scala di cemento che portava alla galleria attraverso la Adalbertstrasse fu trasformata in una nuova graziosa scala in acciaio.

Le sfaccettature di Kottbusser Tor

Kottbusser Tor, chiamata “Kotti”, è la piazza che si trova al centro di Kreuzberg. Kotti però è un luogo di contrasti: da un lato, è il luogo dove si vive un grande spirito culturale e di quartiere più che in qualsiasi altro luogo della capitale. D’altra parte, presenta un lato oscuro, perché è un luogo con un alto livello di criminalità. Oltre ad essere una piazza è anche una fermata della metropolitana: è infatti l’intersezione di due importanti linee della metropolitana (la U8 da nord a sud e la U1 da est a ovest). Purtroppo essendo un luogo molto affollato è anche un punto d’incontro per i traffici di droga, i senzatetto e i crimini correlati. Di in anno in anno i dati riferiti alla criminalità peggiorano e mostrano un continuo aumento di reati di droga, rapine o casi di aggressione. Tuttavia, è importante sottolineare il valore di Kottbusser Tor anche come fulcro culturale: prima ancora della costruzione del Neue Kreuzberg Zentrum, l’area intorno a Kotti era il cuore di una fiorente comunità turca. Oggi, proprio perché non ci sono molti posti come questo in città, qui si riuniscono persone provenienti da una grande varietà etnica, compresi molti giovani interessati alla  varietà culturale. Occorre inoltre menzionare i tre famosissimi club che si trovano nella zona: Fahimi Bar, Paloma Bar e Monarch, emblemi della vita notturna di Kottbusser Tor.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *