Rider da Wolt: pregi e difetti delle condizioni di lavoro per chi consegna il cibo a Berlino

Alla scoperta di uno dei lavori più in voga per chi, straniero, si trova al momento in Germania senza altre possibilità di sbocchi professionali: fare il rider per Wolt

Wolt è un’azienda finlandese che si occupa di delivery in bicicletta, scooter o macchina, sbarcata da qualche mese in Germania. L’arrivo di Wolt ha tolto il monopolio di Lieferando nel mercato delle consegne di cibo a domicilio. Lavorare per uno dei due marchi è diventata una delle poche opportunità di lavoro per chi non conosce bene la lingua tedesca e, soprattutto in tempi di pandemia, ha bisogno velocemente di liquidità. È questa la ragione per cui abbiamo deciso di approfondire la questione. Per farlo abbiamo raccolto informazioni e intervistato alcuni rider di entrambe le aziende, anche alla luce del fatto che a inizio febbraio a Kreuzberg si è svolta una protesta dei rider, che reclamano maggiori diritti e, forse, in futuro, anche la possibilità di fondare un sindacato.

Come candidarsi e i requisiti per un rider Wolt

Il processo di candidatura come corriere è automatizzato attraverso la pagina web. Bisogna svolgere un breve test attitudinale con domante semplici a risposta multipla (come ad esempio: “cosa faresti se dovessi sbagliare una consegna”). Se si viene ritenuti idonei, si svolge un colloquio online di un’ora e mezza circa, in cui un impiegato delle risorse umane spiega come svolgere il lavoro, come funziona l’App e il contratto. Non è necessario sapere il tedesco, un inglese, anche mediocre, è sufficiente. Per candidarsi bisogna essere muniti di bicicletta, scooter o automobile.

Tipo di contratto e orari lavorativi di un rider Wolt a Berlino

Gli accordi di contratto sono flessibili sul monte ore: ogni corriere può scegliere il numero di ore di lavoro settimanali da 8 fino a 40. Il contratto è un normale contratto di lavoro dipendente, ferie, cassa malattia, tasse (eccetto se si lavora meno di 20 ore) incluse. Si possono fare ore lavorative extra fino a un massimo del 10% del monte ore settimanale. L’importante è che una volta scelto l’ammontare di ore, ogni corriere compili il suo calendario con una settimana di anticipo. Il turno può variare da un minimo di 2 ore al giorno a un massimo di 8. Previa autorizzazione, anche 10 ore al giorno. Se si lavora 8 o più ore al giorno è obbligatoria la pausa pranzo. Inoltre, si può deliberatamente scegliere di non accettare un ordine se si è in pausa.

Stipendio di un rider Wolt a Berlino

Ogni corriere percepisce un fisso di 10 euro lordi all’ora. A questi si aggiungono i seguenti bonus:

  • un bonus consegna di 3,60 euro a consegna;
  • il bonus 150, di 150 euro ogni 150 consegne;
  • il bonus chilometraggio di 9 cent ogni 250 m percorsi in linea d’aria durante la consegna.

Le mance dipendono dai clienti e sono molto variabili. Tuttavia più si lavora più se ne accumula. Il cliente può lasciare la mancia tramite l’App durante il pagamento, o direttamente in contanti al corriere.

Condizioni di lavoro per un rider a Berlino secondo chi ci lavora

Il rider che abbiamo intervistato ci ha detto: “Lavorare in bicicletta ha molti aspetti positivi: zero stress, testa bassa e pedalare. Sei tu, la bici e il cellulare. Quello del corriere è un lavoretto simpatico per il sostentamento economico. Gli orari sono molto flessibili, cosa che può far comodo. Questo lavoro lo si può prendere anche come attività fisica sportiva. Si ha inoltre la possibilità di vedere gli angoli più nascosti di Berlino, e gli appartamenti dei ricconi a Mitte o Prenzlauer Berg. Aspetti negativi: a volte la stanchezza fisica, ma neanche troppo, perché ci si abitua col tempo. Le strade con i sampietrini invece che l’asfalto.”

Leggi anche l’articolo su Lieferando a questo link

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Foto di copertina: © Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *