Ibn Rushd-Goethe, la moschea liberale di Berlino (fondata da una donna) che non ammette il burqa

Seyran Ateş ha fondato la moschea liberale Ibn Ruschd-Goethe di Berlino nel 2017, uno spazio sacro dove donne e uomini possono pregare insieme e dove il Corano è interpretato attraverso una visione contemporanea. La moschea accoglie musulmani di tutte le denominazioni e di ogni orientamento sessuale

Seyran Ateş, avvocatessa di origine turca e attivista per i diritti delle donne, è nata da madre turca e padre curdo nella Istanbul apparentemente spensierata e più pacifica degli anni ’60. La versione accogliente e liberale della religione che la sua famiglia e la comunità praticavano all’epoca è diventata la base di uno sforzo permanente e continuo nel dare vita a un’interpretazione non tradizionale dell’Islam, raggiungendo l’apice nel 2017 con la fondazione della moschea Ibn Rushd-Goethe nota come la prima moschea liberale di Berlino. «Non sono diventata una musulmana liberale, lo sono sempre stata», dice Ateş. «La mia famiglia mi ha mostrato che la fede – in particolare l’Islam – è qualcosa che accade tra me, un individuo e Dio. Non c’è istituzione tra un essere umano e Dio». Poi la sua famiglia si è trasferita in Germania negli anni ’70. E fino agli anni ’80 anche la comunità musulmana in Germania era abbastanza liberale . «Ma alla fine degli anni ’80 e ’90 qualcosa è cambiato. Abbiamo iniziato a vedere sempre più hijab, più ragazzini che andavano alla moschea e sempre più musulmani, uomini e donne, che mostravano la loro religione in pubblico . Non era più qualcosa di privato». Ateş ha completato i suoi studi in legge a Berlino e, all’età di 21 anni, ha lavorato presso un centro di consulenza per donne turche a Kreuzberg. Mentre lavorava al centro nel 1984, un uomo si precipitò dentro e sparò ad Ateş e a un’altra donna che lavorava lì. Lei sopravvisse per un soffio, l’altra donna morì. Questo fatto la indusse a continuare le sue ricerche e il suo lavoro. Dal 1997 Ateş ha lavorato come avvocato occupandosi di violenza domestica e matrimoni combinati. Sotto l’ex Ministro dell’Interno Wolfgang Schäuble (CDU), è stata membro della Conferenza sull’Islam e ha costantemente sostenuto che i leader religiosi conservatori in Germania predicano un Islam del passato e che non viene dato spazio ai musulmani liberali. Dopo gli attentati dell’11 settembre, l’interesse di Ateş nell’esaminare da vicino l’Islam crebbe, avendo intrapreso una carriera legale per aiutare le vittime di violenza domestica, la maggior parte delle quali erano donne musulmane ma a volte anche uomini. «Dovevamo capire perché la violenza domestica e i matrimoni forzati avvengono molto più spesso nelle comunità musulmane. Ho dovuto sviluppare una comprensione più profonda di ciò che accade all’interno della religione che porta a questo». La stessa Ateş non è estranea a fare dichiarazioni politiche. Il suo libro del 2017, “Selam, Frau Imamin”, critica fortemente le tendenze fondamentaliste nell’Islam. Sostiene che la maggior parte degli imam ha un rapporto problematico con le idee di libertà religiosa, uguaglianza e diritti degli omosessuali. Come ha affermato nel suo libro del 2007 “Multi-Kulti-Irrtum”, il problema principale si ricollega alla promozione, da parte di “fanatici multiculturali”, di organizzazioni musulmane conservatrici che non sono riuscite a sostenere le politiche di integrazione in Germania.

Fondazione della moschea liberale Ibn Rushd-Goethe

Nel 2009, quando Ateş ha pubblicato il suo libro “L’Islam ha bisogno di una rivoluzione sessuale”, ha provocato un’immediata reazione. Le minacce di morte e violenza non erano una novità per lei. Considerata spesso una voce contro l’islam conservatore, era già stata posta sotto la protezione della polizia nel 2006. Nello stesso anno, ha iniziato a fare ricerche per quella che sarebbe poi diventata la moschea liberale Ibn Rushd-Goethe, la prima moschea del suo genere in Germania e una delle prime in Europa e nel mondo intero, inaugurata nel 2017. Il processo per venire a patti con la necessità di lanciare un’istituzione del genere è stato tumultuoso, lungo e personale. Ateş ha spiegato che era “in definitiva irresponsabile”, in quanto donna musulmana progressista, inveire semplicemente contro le organizzazioni islamiche conservatrici, piuttosto che fondarne una propria. Ha anche affermato che il Ministro delle Finanze Wolfgang Schäuble le aveva detto una volta che i musulmani liberali avrebbero dovuto unirsi, il che ha contribuito a ispirare l’idea. «Ero arrivata alla conclusione che, come donna, sono discriminata nelle moschee tradizionali; non sono ammessa nella sala principale e vengo generalmente trattata come qualcuno il cui valore non è lo stesso degli uomini», dice. «I valori che ho imparato attraverso l’Islam non erano praticati in queste moschee. Questo è stato il motivo per cui ho iniziato il mio viaggio di ricerca, durato otto anni, per aprire la moschea ». La moschea Ibn Rushd-Goethe, dal nome di un filosofo musulmano che difendeva la filosofia greca e dello scrittore tedesco affascinato dalla poesia del Medio Oriente, ha aperto le sue porte nel quartiere Moabit di Berlino nel 2017. Ospitata nell’edificio laterale della chiesa protestante di San Giovanni, la moschea è aperta a sunniti, sciiti, alawiti, sufi e altre interpretazioni dell’Islam; concepita come uno spazio sacro dove donne e uomini possono pregare insieme e dove il Corano è interpretato attraverso una lente contemporanea. La moschea accoglie musulmani di tutte le denominazioni e di orientamento sessuale ma rifiuta i visitatori che indossano il burqa o il niqab, che la fondatrice Ateş ha descritto come una “dichiarazione politica”. Descrivendo i principi fondanti di Ibn Rushd-Goethe, Ateş ha detto al Berliner Zeitung: «La nostra idea di Islam liberale è che, a differenza dei praticanti conservatori, non crediamo che i documenti scritti del Corano debbano essere trasferiti parola per parola al 21° secolo. Ci chiediamo quali fossero le intenzioni all’epoca e quali parti possono essere tradotte e spiegate nel nostro secolo. Vogliamo lavorare insieme ai conservatori per fare qualcosa contro il terrorismo islamista, per dimostrare che l’Islam è anche una religione molto pacifica e spirituale».

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Seyran Ateş (@seyranates_official)

La fatwa egiziana

Seyran Ateş ha giurato di proseguire con il suo progetto, anche se l’istituzione ha ricevuto una fatwa dall’Egitto ed è stata attaccata dalle autorità religiose in Turchia una settimana dopo dalla sua apertura. «L’opposizione che ricevo mi fa sentire che sto facendo la cosa giusta», ha detto. Il giorno dell’inaugurazione due imam, un uomo e una donna, hanno condotto insieme la preghiera del venerdì in una stanza gremita. Una settimana dopo, la sala di preghiera era notevolmente più vuota; erano presenti solo sette persone, quasi pari al numero del personale di sicurezza che sorvegliava le uscite e gli ingressi con calzari di plastica sopra gli stivali. Ateş ha detto che molti dei fedeli della settimana precedente avevano deciso di stare alla larga perché temevano ritorsioni contro loro stessi o contro le loro famiglie. I suoi stessi parenti in Turchia le avevano chiesto di abbandonare il progetto perché erano preoccupati. L’avvocatessa, che non porta l’hijab e si sta attualmente formando per diventare un imam, ha detto di aver ricevuto 300 e-mail al giorno che la incoraggiavano a continuare, anche da paesi lontani come l’Australia e l’Algeria, ma anche 3.000 e-mail al giorno piene di odio, comprese minacce di morte. Il Dar al-Ifta al-Masriyyah egiziano, un’istituzione islamica statale incaricata di emanare editti religiosi, ha rilasciato una dichiarazione in cui dichiara che la pratica della moschea Ibn Rushd-Goethe di uomini e donne che pregano fianco a fianco è incompatibile con l’Islam, ed è stata emessa una fatwa contro la moschea, che comprende tutte le moschee liberali presenti e future. L’Università di Al-Azhar è contraria alla riforma liberale dell’Islam e ha emesso la fatwa a causa del divieto della moschea di veli coprenti come burqa e niqab nei suoi locali, consentendo a donne e uomini, di qualsiasi orientamento sessuale, di pregare insieme. La principale autorità musulmana della Turchia, Diyanet (Presidenza degli Affari Religiosi), ha affermato che le pratiche della nuova moschea non sono in linea con le risorse fondamentali, i principi di culto, la metodologia o l’esperienza dell’Islam di oltre 14 secoli, e sono esperimenti volti a nient’altro che a depravare e rovinare la religione. Un post sui social media diffuso nella comunità turca della Germania mostrava la fotografia di un piede sospeso su tre copie del Corano sparse sul pavimento della moschea, sostenendo che erano state collocate lì da “Ateş e i suoi complici” ma una visitatrice dell’evento inaugurale ha detto al Guardian di aver visto i libri essere messi sul pavimento da un uomo che si spacciava per un giornalista. Alcuni media turchi hanno addirittura accusato il progetto di avere legami con il movimento di Fethullah Gülen, soggetto a repressione nel Paese dopo il tentato colpo di stato del 16 luglio 2016. «Nemmeno nei miei sogni più oscuri mi sarei aspettata che la Turchia cercasse di ritrarci come gülenisti, sostenendo che avevo elogiato Gülen nel mio discorso», ha detto Ateş. «Non ho niente a che fare con il loro movimento. Al contrario: rappresentano un’interpretazione dell’Islam troppo conservatrice per noi». Ateş ha iniziato la sessione di preghiera del venerdì successivo con un appello per coloro che criticano le volontà della moschea a mostrarsi apertamente. «Spero che questa volta le persone siano abbastanza coraggiose da mostrare il loro vero volto. Allah conosce comunque il loro vero volto. Ed è ad Allah che devono rendere conto, non a noi». La rivendicazione di affiliazione al movimento Gülen è stata negata anche da Ercan Karakoyun, presidente della fondazione affiliata a Gülen in Germania “Stiftung Dialog und Bildung”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Seyran Ateş (@seyranates_official)

Leggi anche La danza del ventre anti omofobia di un ballerino siriano rifugiato a Berlino

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Moschea Ibn Ruschd-Goethe da Wikipedia ©A. Savin

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *