Wrestling, foto di PranongCreative da Pixabay

Hans Schmidt, il wrestler canadese che si fingeva tedesco

Hans Schmidt, il lottatore tedesco che divenne un’icona del wrestling. La storia del suo alter ego odiato dal pubblico

Creare un legame emotivo con il pubblico ed entrare in contatto con la folla acclamante sono tra gli attributi più importanti per qualsiasi atleta professionista. Molte volte, per questa ragione, c’è chi sceglie di indossare una maschera, nascondendosi dietro un personaggio di finzione. Il wrestler Hans Schmidt ne è un esempio. Il lottatore scelse infatti di creare un alter ego che il pubblico avrebbe odiato, riuscendo perfettamente nell’intento. Il suo vero nome era Guy Larose, nacque a Joliette in Canada, nel 1925. Fece il suo debutto nel mondo del wrestling poco dopo la Seconda Guerra Mondiale, ma la vera svolta si ebbe nel 1951, quando il suo promoter Paul Bowser decise di trasformarlo in un lottatore dai modi brutali e violenti.

Il “tedesco da battere” che attirò su di sé la rabbia delle folle

Negli anni Cinquanta, la fama di “tedesco da battere” ebbe un grande successo e rese Schmidt tra i più noti campioni dell’epoca. Guadagnò presto il soprannome di “The Teuton Terror”. Schmidt adoperava infatti uno stile di combattimento aggressivo e spesso scorretto, con attacchi e calci deliberati contro i suoi avversari. In pochissimo tempo riuscì ad attirare su di sé l’odio del pubblico, in particolare quello statunitense. Le folle inferocite infatti si scagliavano contro di lui: lo pugnalavano con le forcine, gli agitavano accendini in faccia e gli vandalizzavano la macchina.

Una figura controversa diventata un’icona

In ogni caso, Schmidt cercò di evitare espliciti riferimenti al nazismo. Non fece mai il passo militare dell’oca o il saluto nazista entrando sul ring, al contrario di altri. A nessuno importava davvero che lui stesse recitando un ruolo. Per Schmidt, invece, incarnare il personaggio del tedesco significò ricevere maggiore attenzione mediatica e successo. “Vincerò il titolo e lo riporterò in Germania, dove appartiene” dichiarò Schmidt nell’intervista all’annunciatore Jack Brickhouse dei Chicago Cubs, nel 1953. La sua figura divenne oggetto di polemiche e controversie, ma, com’era inevitabile, lo trasformò in una vera icona per il mondo del wrestling.

 

Leggi anche: L’avventurosa vita di Eddie Chapman, criminale inglese, poi spia, che riuscì a beffare i nazisti

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

In copertina: Wrestling, foto di PranongCreative da Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *