Berlino, due interventi a Kottbusser Tor finiscono con altrettanti ferimenti di poliziotti

Nella stazione della metropolitana di Kottbusser Tor due agenti di polizia sono stati attaccati e feriti a causa della reazione aggressiva delle persone fermate.

Domenica notte nella stazione di Kottbusser Tor si è consumato l’ennesimo episodio di violenza che ha visto protagoniste le forze dell’ordine. Tutto è cominciato verso le 22, quando due poliziotti hanno notato un uomo fumare una sigaretta sul binario della linea U8 senza indossare alcuna protezione per coprire bocca e naso. Nel momento in cui uno degli agenti si è avvicinato per chiedere spiegazioni riguardo il suo comportamento poco rispettoso, l’uomo ha reagito in maniera aggressiva cominciando a prendere a pugni e calci il poliziotto.

Poco più tardi, l’accaduto si è ripetuto.

Intorno alle 23:00, un’aggressione simile è avvenuta ai danni di un altro poliziotto, sempre a Kottbusser Tor. Un agente si è avvicinato ad un uomo senza mascherina che si rifiutava di lasciare la stazione, chiedendogli i documenti. Nella ricerca per trovare la carta d’identità il 37enne ha improvvisamente preso a pugni l’agente che ha riportato una lesione agli occhi ed è stato portato d’urgenza in ospedale. L’aggressore è stato poi identificato, arrestato e poi rilasciato.

Kottbusser Tor, il quartiere delle aggressioni, furti e molestie

Purtroppo, quello che è accaduto domenica notte è solo uno dei tanti casi che hanno avuto luogo nella di Kottbusser Tor, soprannominata Kotti. La polizia stessa lo definisce un luogo pericoloso in cui l’intervento delle autorità è richiesto spesso. C’è da dire però, che episodi del genere possono accadere ovunque. Solo pochi giorni fa infatti, nel quartiere di Neukölln, è avvenuto un inseguimento in cui sono rimasti feriti 5 poliziotti.

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina: Kottbusser Tor ©Kwertii (talk) CC3.0 da Wikimedia

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *