A Berlino la nuova edizione dell’eccezionale Visionär Film Festival

La quinta edizione del Visionär Film Festival torna a Berlino con un’eccezionale selezione di talenti internazionali e locali

A Berlino, dal 10 al 14 novembre, si terrà all’ACUDkino la quinta edizione del Visionär Film Festival – Encounters with New Talents. Si tratta di un festival dal carattere fortemente internazionale. Infatti l’evento viaggia per tutta Europa: arriverà a Berlino dopo aver fatto tappa a Madrid, nel Salento e Magonza. Inoltre, include moltissimi artisti dal background internazionale. Parteciperanno all’edizione di quest’anno Albania (in coproduzione con Kosovo, Italia, Macedonia), Argentina, Cile, India (in coproduzione con Romania, Italia, Qatar), Iran, Serbia (in coproduzione con Slovenia, Olanda, Francia, Bosnia ed Erzegovina), Corea del Sud e Spagna. Dunque, come dice il nome, il festival è un’occasione unica per scoprire nuovi talenti, sia del quadro locale che d’origine straniera. In aggiunta, quest’anno il Visionär rende omaggio a Pedro Almodóvar, regista e sceneggiatore pluripremiato, presentando il suo film d’esordio Pepi, Luci, Bom y otras chicas del montón.

Berlino Magazine metterà in palio due biglietti (uno per lettore) per il Visionär Film Festival Berlin per il giorno mercoledì 10 novembre: Kino Sonico (Opening Parte 1) + Panorama: Rebels #1 (Opening Parte 2). Il concorso avverrà sulla nostra pagina Instagram martedì 9 novembre. Seguiteci per scoprire come partecipare.

Visionar Berlin Banner per gentile concessione di Visionär Film Festival Berlin

Visionär Berlin Banner, per gentile concessione di Visionär Film Festival Berlin

Il fitto programma del Visionär Film Festival

Il Visionär Film Festival presenta un programma fittissimo e molto audace. Nelle quattro giornate di metà novembre si potrà partecipare alla proiezione di 9 lungometraggi in parte tedeschi e in parte internazionali, in concorso per il Premio del Pubblico e della Giuria. Inoltre, ci sarà una seconda sezione, il Short Berlin Encounters, che include una selezione di 16 cortometraggi in concorso per il Premio del Pubblico, questa volta tutti realizzati da filmmaker berlinesi. Questa seconda sezione sarà divisa in tre blocchi sulla base del tema trattato dalle pellicole: Spazio, Tempo e Persona. Ma il programma del Visionär non si conclude qua: ci saranno altre due selezioni di cortometraggi internazionali sotto il nome di Panorama: Rebels. Quest’ultima sezione è stata pensata per attirare l’attenzione su un tema specifico, che cambia ogni anno. In questa edizione, i 10 cortometraggi che ne fanno parte alzano tutti la voce contro il sistema del patriarcato e ciò che ne deriva. Una critica corale all’abuso, il sessismo e alla classificazione binaria dei generi. 

Le pellicole che parteciperanno al festival

La serata di apertura ospiterà un concerto cinematografico sotto il nome di KINO SONICO, in cui Akkamiau – nota musicista elettronica – suonerà dal vivo nuove musiche per il film La Tierra de los Toros (1924) di Musidora. 

La seconda parte della giornata che apre il festival invece proseguirà con la sezione Panorama: Rebels.

PANORAMA: REBELS #1 (Opening Night Part 2) ca. 85′
– Stories Keep Me Awake at Night (Nuits Sans Sommeil) di Jérémy van der Haegen, Belgio, 2020, 30′
– Shéár Avory: To Be Continued di Abram Cerda, USA, 2020, 26′
– Rise di Hannah Renton, Regno Unito, 2020, 9′
– Dustin di Naïla Guiguet, Francia, 2020, 20′

PANORAMA: REBELS #2 ca. 86′
– La Bonita di Maria del Mar Rosario, Cuba, Porto Rico, 2018, 18′
– Lemongrass Girl di Pom Bunsermvicha, Thailandia, 2021, 17′
– I am afraid to forget your face di Sameh Alaa, Egitto, Francia, Qatar, Belgio, 2020, 15′
– The Young Diego (El Joven Diego) di Osama Chami, Enrique Gimeno Pedrós, Spagna, 2021, 7′
– The Tongues (Njuokcamat) di Marja Bål Nango e Ingir Bål, Norvegia, 2019, 15′
– The End of Suffering (a proposal) di Jacqueline Lentzou, Grecia, 2020, 14′

Lemongrass Girl, per gentile concessione di Visionar Film Festival

Lemongrass Girl di Pom Bunsermvicha, per gentile concessione di Visionär Film Festival

OMAGGIO:
– Pepi, Luci, Bom y otras chicas del montón (Pepi, Luci, Bom e le altre ragazze del mucchio) di Pedro Almodóvar, Spagna, 1980, 81′

Lungometraggi in Concorso:
– 180° Rule di Farnoosh Samadi, Iran, 2020, 83′ (prima tedesca)
– We Will Never Die (Nosotros Nunca Moriremos) di Eduardo Crespo, Argentina, 2020, 82′ (Berlin Premiere)
– Oasis di Ivan Ikić, Serbia, Slovenia, Paesi Bassi, Francia, Bosnia-Erzegovina, 2020, 121′ (Berlin Premiere)
– Open Door di Florenc Papa, Albania, Kosovo, Italia, Macedonia, 2019, 77′ (Berlin Premiere)
– My Mexican Bretzel di Nuria Giménez, Spagna, 2019, 73′ (Berlin Premiere)
– Moving on di YOON Dan-bi, Corea del Sud, 2019, 105′ (prima tedesca)
– Night Shot (Visión Nocturna) di Carolina Moscoso, Cile, 2019, 80′ (prima tedesca)
– A Rifle and a Bag di Isabella Rinaldi, Cristina Hanes, Arya Rothe, India, Romania, Italia, Qatar, 2020, 89′ (Berlin Premiere)
– L’innocenza (La innocència) di Lucía Alemany, Spagna, 2019, 83′ (Berlin Premiere)

Rise di Hannah Renton, per gentile concessione di Visionär Film Festival

Rise di Hannah Renton, per gentile concessione di Visionär Film Festival

Short Encounters Berlin:
Spazio, 83′
– Am I on Mars? di Matteo Niccolai, Germania, 2021, 12′
– La Passeggiata di Lisa Hoffmann, Moritz Hossli, Germania, 2021, 5’33”
– Echo (Yankı) di Hazal Kara, Sezin Ertek, Turchia, Germania, 2020, 19′
– Good German Work di Jannis Alexander Kiefer, Germania, 2020, 14′
– Land of Glory (Pannónia Dicsérete) di Borbála Nagy, Germania, 2020, 27′
– Stray di Jonas Brinker, Germania, 2020, 5’30”

Tempo, 100′
– Eva di Julia Dip My Feige, Germania, 2020, 5′
– Black&White (Černobílá) di Eluned Zoe Aiano e Anna Benner, Repubblica Ceca, Germania, 2019, 19′
– An Ocean (Ein Ozean) di Paul Scheufler, Germania, 2021, 19′
– Assembling a Story di Marlies Pahlenberg, Germania, Regno Unito, 2019, 27′
– I Want To Return Return Return di Elsa Rosengren, Germania, 2020, 30′

Persona, 89′
– AIVA di Veneta Androva, Germania, Bulgaria, 2020, 13′
– Gran Central Hotel di Serge Garcia, USA, Germania, 2020, 23′
– When The Androgynous Child (Cuando el niño andrógino) di Melina Pafundi, Germania, Argentina, 2019, 9′
– Letter to My Mother di Amina Maher, Malesia, Germania, Iran, 2019, 19′
– Should we all be feminists? di Silke Meya, Germania, Regno Unito, 2021, 24’30”

When The Androgynous Child (Cuando el niño andrógino) di Melina Pafundi, per gentile concessione di Visionar Film Festival

When The Androgynous Child (Cuando el niño andrógino) di Melina Pafundi, per gentile concessione di Visionar Film Festival

 

Leggi anche: A Berlino la mostra fotografica Easy Rider Road Show dedicata al lato sovversivo e selvaggio del ciclismo

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *