Berlino, il Coronavirus non ferma il sistema: continua la donazione di case a senzatetto

Il sogno di possedere una propria abitazione sta diventando una realtà per i senzatetto di Berlino grazie a “Housing First”

Berlino. Nonostante il Coronavirus i senzatetto di Berlino possono ancora sperare in un appartamento. Il progetto modello “Housing First” continua. «Quattro nuovi contratti d’affitto stanno per essere firmati» ha dichiarato il coordinatore degli alloggi Sebastian Böwe dell’associazione “Neue Chance” all’agenzia di stampa tedesca. Dall’ottobre 2018 l’organizzazione aveva già trovato 23 appartamenti per i senzatetto.

Fino a 80 appartamenti per i senzatetto in tre anni

Il partner del progetto Sozialdienst katholischer Frauen – Servizio sociale delle donne cattoliche – (SkF) ha già raggiunto il suo obiettivo di trovare un alloggio per 30 donne a metà tempo, riferisce Beate Vetter-Gorowiciz. Un altro appartamento è in fase di sistemazione. I servizi sociali vogliono sostenere anche altre donne. Finora sono stati accettati nel progetto un totale di 40 partecipanti. Tuttavia, la nuova ammissione di altre donne era stata per il momento sospesa. Attualmente il lavoro si concentra sul sostegno agli inquilini. «Siamo disponibili a sostenere le donne per telefono, e-mail e per gli acquisti», riferisce. Il collocamento di nuovi appartamenti è attualmente un po’ più difficile per via del periodo. Il progetto modello, iniziato nell’ottobre 2018, mira a trovare fino a 80 appartamenti per i senzatetto in tre anni. Nonostante la difficile situazione del mercato immobiliare di Berlino sono già stati organizzati 58 appartamenti.

A “Housing First”, le persone senza condizioni preliminari ottengono un contratto d’affitto illimitato e un sostegno socio-educativo

Tuttavia, devono essere in grado di finanziare l’appartamento da soli ad esempio con l’aiuto del centro per l’impiego, attraverso una pensione o attraverso il lavoro. Dovrebbero poi essere in grado di organizzare la propria vita. In precedenza, per ottenere un appartamento dovevano soddisfare molti requisiti, come la gestione di possibili debiti o una dipendenza esistente. Molti di loro purtroppo hanno fallito. Il progetto è supportato dal Servizio sociale delle donne cattoliche (SkF) e dalla New Chance Association in collaborazione con gli obiettivi della città. L’amministrazione sociale ha fornito un totale di circa 723.000 euro nel 2018 e nel 2019.

Leggi anche: Germania, consiglieri del governo spingono per una graduale, ma pronta riapertura delle scuole

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche suFacebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *