Zoo tedesco in crisi rischia di dovere dare animali in pasto ad altri animali

Il Coronavirus sta colpendo duramente gli zoo. Niente ricavi, ma “spese come al solito”

Secondo la direttrice Verena Kaspari, lo zoo di Neumünster è in crisi a causa del Coronavirus. La direttrice ha elaborato piani di emergenza e ha inoltre dichiarato: «al momento disponiamo di fondi che ci porterebbero intorno a metà maggio». Lo zoo ha ricevuto molte donazioni di mangimi da agricoltori e privati ma continuano le serie difficoltà economiche dopo la chiusura. Stanno valutando la possibilità di uccidere alcuni dei loro animali per darli da mangiare agli altri dello zoo. 

A rischio anche l’orso polare Vitus. «Non è un pony, non posso metterlo in una scatola e portarlo altrove»

Con un peso di circa 700 chilogrammi, l’orso polare Vitus è uno dei più grandi del suo genere in Germania. «Se le cose si fanno davvero difficili qui e lo zoo dev’essere chiuso definitivamente, non posso semplicemente metterlo in una scatola e trasportarlo da qualche altra parte». La direttrice ha in seguito aggiunto: «Non è un pony che a volte puoi metterlo in una stalla con un’asino. È un grande predatore, per il quale è necessario un sistema adeguato». I piani per l’abbattimento d’emergenza non sono noti all’Associazione dei giardini zoologici (VdZ) secondo la loro stessa dichiarazione. «Non è questo il problema di cui ci stiamo occupando al momento», dice il portavoce della stampa Sebastian Scholze. Tuttavia, la situazione negli zoo è piuttosto preoccupante. Questi sono stati chiusi per quattro settimane e i costi sono rimasti allo stesso livello elevato, ma senza alcun reddito. «E non si può lavorare da casa con un elefante», dice Scholze.

L’abbattimento di alcuni animali in caso di necessità non è così difficile da pensare

Già oggi possono essere uccisi degli esemplari. La direttrice dello Zoo di Neumünster spera tuttavia di non dover arrivare a tanto. Già altri zoo hanno promesso di inviarle carne e pesce e si potrebbe anche provare a collocare alcuni animali in altri parchi. Al momento sono state ricevute molte donazioni, di cui una «molto, molto grata». Ma: «È difficile far quadrare i conti», afferma Scholze. Per questo motivo l’associazione ha richiesto un programma di aiuti di emergenza di 100 milioni di euro per i suoi 56 giardini zoologici a fine marzo.

Leggi ancheMinistro degli esteri tedesco si scusa per aggressione a francesi sul confine

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina: Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *