Germania, oltre i 137mila casi e 4mila decessi. Calano i casi attivi. Berlino vuole riaprire gli zoo

La situazione in Germania alle 9:00 del mattino di venerdì 17 aprile

Continuano a calare i casi attivi in Germania: nella giornata di ieri, giovedì 16 aprile, sono 56646, ben 1703 in meno rispetto al giorno precedente. Dall’inizio della pandemia la Germania registra ufficialmente 137.689 casi e 4052 decessi (248 solo ieri). La curva logaritmica dei contagi, come mostrato nel primo dei grafici che trovate sotto e ben spiegato da un video della Merkel dell’altro ieri, è sempre più piatta. Significa che una persona infetta tende ad infettarne una o poco più, riuscendo quindi a non appesantire eccessivamente il sistema sanitario. “È un margine molto sottile” ha comunque tenuto a precisare la cancelliera facendo capire che non è detto che l’allentamento delle misure previsto da lunedì sarà permanente.

Il bollettino Land per Land

Rallenta, almeno se si guarda la giornata di ieri, la diffusione del contagio in Baviera. Lo stato del sud passa da 35142 a 35523 contagi ufficiali, “solo 381 in 24 (nelle 24 ore precedenti l’aumento era stato di 1129). Relativamente contenuto anche il numero di decessi, 31 contro i 159 del giorno prima.  Analoghi numeri per il NordReno-Vestfalia, con 317 casi nuovi e 57 decessi e in Baden-Württemberg (580 e 54 in più). Qui la tabella di contagi totali, guarigioni e decessi.

Berlino, il bollettino quartiere per quartiere

Le scuole si preparano a riaprire. In questi giorni addetti delle pulizie sanificheranno le varie strutture prima del rientro – lunedì – degli Abitur che devono svolgere gli esami per prendere il diploma quest’anno. Il lunedì dopo, il 27, anche le classi 10 potranno tornare a scuola. Dal 4 maggio son attesi anche gli studenti di alcune classi inferiori. Secondo l’associazione dei dirigenti scolastici si è davanti ad un gigantesco sforzo organizzativo. Secondo quanto riportato dall’ufficio stampa della Chiesa protestante di Berlino, il Senato cittadino sta anche prendendo in considerazione la possibilità di consentire a breve la celebrazione di riti religiosi. Non solo, si vorrebbero aprire a breve – forse già il fine settimana del 25 e 26 aprile –  anche i giardini zoologici e quello botanico, a patto che al loro interno siano rispettate tutte le norme di sicurezza già attive. Nel frattempo il sindaco ha sottolineato nuovamente che non ci sarà nessun obbligo di indossare le mascherine, ma se ne raccomanderà l’uso ovunque. In città al momento ci sono 4971 e 84 decessi, rispettivamente 101 e 10 in più del giorno precedente, meno dei giorni precedenti.  602 persone sono ricoverate in ospedale, tra loro 142 in terapia intensiva L’età media dei decessi è 81 anni.  Nella tabella qui sotto potete vedere il numero di contagi e di decessi per quartiere.

Un occhio ai dati: Johns Hopkins vs Robert Koch Institut

I dati che prendiamo sono presi dalla Johns Hopkins University, la prestigiosa università statunitense che – a differenza del Robert Koch Institut – aggiorna i suoi dati attraverso diverse fonti, comunque tutte attendibili, come le autorità sanitarie di ogni regione, la pagina dell’OMS e le segnalazioni di medici e statistici.

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche suFacebook, Instagram e Twitter

Photo: © Pixabay CC0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *