Tesla cerca 12mila dipendenti per la sua megafabbrica fuori Berlino

La Tesla sta collaborando con la Bundesagentur für Arbeit per il reperimento di 12.000 dipendenti da impiegare nella Gigafactory

La Tesla cerca 12.000 dipendenti per la sua nuova fabbrica di auto elettriche a Berlino. La costruzione della Gigafactory procede e piano regime e i vertici hanno annunciato che per l’autunno 2021 la fabbrica sfornerà 500.000 veicoli l’anno. Tempi record considerando che a rallentare i lavori sono intervenuti il lockdown e alcune problematiche di natura ambientale. La Bundesagentur für Arbeit è in collaborazione con l’azienda per la ricerca del personale qualificato. La Germania non possiede ancora centri di formazione per la tecnologia Tesla. La Camera dell’industria e del commercio ha dichiarato che una formazione specifica è un requisito necessario per il corretto inserimento di lavoratori nell’impianto. Tuttavia nuovi centri di collegamento per la Tesla sono stati istituiti a Francoforte (Oder).

La Gigafactory è per il mercato del lavoro berlinese una boccata d’aria fresca

Per uscire dalla recessione da Corona virus servono nuovi investimenti. A pagare per la crisi sono oltre alle imprese anche i lavoratori che hanno visto ridursi l’orario lavorativo. La Gigafactory è per Berlino/Brandeburgo una boccata d’aria fresca. Lo stato tedesco è intervenuto fornendo abbondante liquidità, ma una definitiva ripresa non può che passare da una ripresa degli investimenti. Per la fabbrica è previsto un costo di 1,065 miliardi di euro, ma lo stimolo positivo per l’economia è dato anche dai nuovi 12.000 dipendenti che con il loro salario creano nuovi consumi. Senza contare l’effetto immagine sulla città. Un investimento profittevole attira altri investimenti stimolando il mercato del lavoro.

La costruzione della fabbrica ha generato alcune polemiche

Le vicende della Gigafactory berlinese non sono state sempre facili. Oltre alla crisi da Covid-19, sono sorte alcune proteste per l’abbattimento di alberi sul sito di costruzione. La Tesla ha per l’occasione istituito un ufficio per venire incontro alla popolazione locale. Altro discorso per le norme di inquinamento. La violazione di alcune di esse ha costretto la Tesla a spostare la produzione di batterie e di alcune plastiche il altri siti.

Leggi ancheLa Germania sperimenta il reddito di base incondizionato, circa 1200€ al mese per 3 anni

Studia tedesco via Zoom/Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter 

Immagine di copertina: screenshot da Youtube

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *