«Merkel & Müller non saranno più i benvenuti». Leggendario pub di Berlino protesta così contro il nuovo lockdown

Il famoso luogo di ritrovo degli esponenti della classe politica tedesca mette Merkel, Scholz, Müller e Söder sulla sua lista nera

La Cancelliera Angela Merkel, il vice Cancelliere Olaf Scholz, il sindaco di Berlino Michael Müller e il Primo Ministro bavarese Marcus Söder, non avranno più la possibilità di recarsi al “Ständige Vetretung”, luogo di ritrovo della classe politica tedesca. In un video circolato su Facebook, i proprietari del locale Jorn Peter Brinkmann e Jan Philipp Budinger hanno affermato di essere contrari al lockdown di novembre, e che avrebbero impedito l’accesso ai suoi responsabili politici. «Sono molti i politici che frequentano il nostro pub. Ieri, alcuni di questi politici hanno deciso di stringere la morsa per noi ristoratori, impedendoci di fare il nostro lavoro. Noi li aggiungeremo alla lista nera, con effetto immediato», hanno dichiarato alla Berliner Zeitung.

Critica e contro-critica sui Social Media

«Noi del settore della gastronomia abbiamo lavorato sodo al fine di proporre ai nostri clienti un’esperienza sicura. Avevamo rinnovato i sistemi d’aerazione, edificato le strutture per la ristorazione all’esterno, redatto le liste per il blocco delle catene di contagio, e molto altro. Perché tutto questo ? Perché prendiamo il virus sul serio! Perché siamo coscienti della responsabilità che abbiamo nei confronti della pandemia. Perché la gastronomia rappresenta una parte costruttiva della soluzione, e non il problema. Il Governo federale non è stato in grado di preparare la popolazione e l’economia alla seconda ondata del virus. Il fatto che il sistema sanitario è prossimo a raggiungere i propri limiti e che non ci sia abbastanza personale medico, era da prevedere. Il numero dei contagi riscontrati nel settore della ristorazione rappresenta meno del 3% dei contagi totali. Nonostante ciò, è proprio il settore della ristorazione ad essere maggiormente impattato a livello federale».

La Ministra dell’agricoltura e dell’alimentazione Julia Klöckner ha criticato l’operato dei proprietari del locale. In un post su twitter ha affermato che «mettere sulla lista nera le persone che combattono contro la pandemia, non è parte della soluzione». Alludendo alla scarsa importanza del locale all’interno del processo politico, ha ironizzato sul fatto che Merkel e Scholz sono sicuramente dei buoni clienti. Inoltre, ha sottolineato il fatto che i politici attivi nella circoscrizione del locale non sono stati banditi.

Le condizioni per i ristoratori durante il lockdown

Le critiche dei proprietari del pub si rifanno alle misure prese dal governo al fine di contrastare il rapido aumento dei contagi, che nelle ultime 24 ore è salito di 12’097 unità. A partire dal 2 novembre, infatti, i bar e i ristoranti potranno rimanere aperti soltanto alla condizione di fornire il servizio d’asporto. Il Governo ha stanziato una cifra tra i 7 e i 10 miliardi di euro al fine di coprire fino al 75% del fatturato perso dalle attività più colpite dal lockdown.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter
XMA Header Image
Corsi di tedesco a Berlino: intensivi, serali e private o su Zoom: il calendario di Berlino Schule – BerlinoSchule
berlinoschule.com

Immagine di copertina: Berlin, Ständige Vertretung Copyright Rolf Heinrich, Köln da Wikimedia cc 3.0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *