Madre, il ristorante creativo italo-francese dove andare e tornare, sempre sorprendendosi della sua bontà

Affacciato su Boxhagener Platz, la più celebre piazza di Friedrichshain, ha aperto a maggio 2020 un ristorante dal concept originale e altissima qualità

Italia e Francia: le due massime cucine europee si trovano, unite (ma con una leggera preponderanza della prima), e ai loro massimi livelli, in un piccolo e suggestivo ristorante su Boxhagener Platz, piazza simbolo di Friedrichshain e della vita sociale ed eno-gastronomica di Berlino. Si chiama Madre e a fondarlo è una coppia tanto che già a vederla sembra una perfetta sintesi di contrasti e unioni. Valo è una francese di Montpellier, è bionda, chiacchierona e illumina con il suo sorriso qualsiasi angolo del locale in cui si muove. Seb è un partenopeo-toscano, barba e capelli lunghi, un rocker vestito quasi sempre di nero, osservatore e taciturno almeno finché non si ha la fortuna di averlo al tavolo a raccontarti la storia di questo progetto così originale e ambizioso, nato dall’incontro qualche anno fa in un condominio, quando lei chiese a lui, suo vicino, se volesse fare un tandem linguistico. Il risultato è un’amicizia e un locale dove si possono gustare eccezionali piatti a base di pasta, risotti, pesce e verdure (niente carne), a volte fusion, a volte semplicemente fatti a regola d’arte seguendo i dettami di una delle due cucine. Il menù non è fisso, si legge su una lavagna (almeno ora in tempi di pandemia) e cambia di volta in volta sulla base della stagione e delle disponibilità. Il progetto, in generale, è collettivo: “Madre è l’insieme di tante sinergie che vanno dalla cucina e la gestione della sala al concept stesso del locale”.

Mangiare da Madre

Quando abbiamo visitato Madre per cena abbiamo provato Raw Power (soté di cozze e vongole con pomodoro e chili), Ravioli neri all’inchiostro di seppia ripieni a loro volta di polpo e seppia, Linguine croccanti con aglio e taralli e Rouille de Seiche con riso nero, ovvero filetti di seppia immersi in salsa di pomodoro e mandorle. Che dire? Davvero delizioso, tutto.  Altrimenti non saremmo qui a scriverne. Creativo, bello a vedersi, con accostamenti non banali e capaci di tenere a lungo nel palato l’eco dei propri sapori. Il piatto che ci è piaciuto di più è stato la Rouille de Seiche, grazie all’eccezionale cottura in casseruola del pesce e un sughetto da finire con la stessa golosità con cui si finisce un cestino di ciliegie, ma l’applauso è generale e coinvolge tutte le portate.  Avessimo avuto più spazio nello stomaco avremmo provato anche gli spaghetti di zucchine con ragù di noci (c’è un’ampia offerta vegana nel menù) e il Risotto con pesto di rucola, pesce rosso e mandorle. Non lo abbiamo fatto anche perché appena ci si siede si riceve un cestino di variegato pane fatto in casa che mentre si aspetta la portata risulta una tentazione a cui non si resiste. I prezzi vanno dai 10 ai 15 € per le portate principali, normalmente più che abbondanti. Se non si decide finire con i dolci, ci si può deliziare con uno dei tanti liquori fatti rigorosamente in casa e di cui si può osservare la mescita (noi abbiamo provato quello alla liquirizia). Il bere del resto è al centro di Madre come vi raccontiamo nel prossimo paragrafo.

Andare da Madre per un buon cocktail e/o un aperitivo

Con il suo look così ricercato, un mix tra rosso e nero reiterato tanto nell’arredamento (i tavoli, le travi e la struttura del bar sono firmati dall’artista Kappa della celebre Metallwerkstatt Tacheles, i soffitti specchianti invece sono opera dell’italiana Tecni Decor che nelle portate stesse (basti vedere il piatto in foto), Madre è un ottimo posto anche per un bicchiere di vino o un cocktail come si deve con vista su una delle piazze più vitali in città. C’è una carta di cocktail con nomi canonici e creazioni della casa, ma il nostro consiglio è andare direttamente al bancone, descrivere il tipo di sapore che ci si aspetta e dare carta bianca al barman. Da madre abbiamo mangiato una sola volta finora, ma ci abbiamo fatto già tre bevute tra aperitivi e dopo cene ed è stato sempre un piacere potersi lasciar sorprendere da miscele originali. Anche la carta dei vini, ricercati e al tempo stesso a prezzi abbordabili (sempre intorno ai 5 €), incuriosisce e dimostra una cura fuori dal comune. Insomma, Madre è uno di quei posti in cui è bello andare e ritornare, uno di quei luoghi che è bello avere vicino casa (per noi è dietro l’ufficio), ma che merita anche l’attraversamento della città.

Madre

Gärtnerstr. 12 Berlin-Friedrichshain

dal giovedì alla domenica, 17-24

Prenotazioni 0178 8818107

Instagram

Studia tedesco via Zoom/Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *