Le foto di Robert Capa di Berlino nel 1945 diventano una mostra

Gli scatti di Robert Capa sono in mostra a Berlino presso il Centrum Judaicum

Robert Capa è stato uno fra i maggiori fotografi di guerra. Berlino non è la sua città natale, ma è qui che nasce la sua passione per le fotografia. Lascia la città nel 1931 e ci torna solo dopo la sua liberazione, nel 1945. Alla fine della guerra Berlino è una città devastata. Il fotografo immortala molta di quella distruzione, fra cui la Porta di Brandeburgo e il boulevard Unter den Linden. I suoi scatti sono da oggi esposti presso  lo Stiftung Neue Synagoge — Centrum Judaicum di Berlino. Gli scatti saranno visibili fino al 9 maggio 2021. Di seguito la storia di questo avventuroso fotografo. Alla fine dell’articolo invece tutte le info per visitare la mostra.

View this post on Instagram

Ab heute für alle Besucher*innen zu sehen: Robert Capa, Berlin Sommer 1945. Auf YouTube gibt es einen kleinen Einblick unserer Kuratorin, Dr. Chana Schütz, über die Bedeutung Robert Capas und das besondere der gezeigten Bilder in der Ausstellung. Hier der Link, ihr findet ihn aber auch in unserer Bio. https://youtu.be/51awr8Yo_2U Copyright Bild: Robert Capa: Blick vom Brandenburger Tor Richtung Unter den Linden mit großem Stalin Bild, Berlin-Mitte (C) Robert Capa Archive at the International Center of Photography, New York ………………………………………. Übrigen ab heute gelten wieder unsere normalen Öffnungszeiten: Mo-Fr 10-18 Uhr , So 10-19 Uhr Sa geschlossen #museum #robertcapa #neuesynagoge #neuesynagogeberlin #neueausstellung #newexhibition #visitgermany #visitberlin #brandenburgertor #1945 #picutre #fotografie

A post shared by NeueSynagogeBerlin (@neuesynagogeberlin) on

Durante la guerra civile spagnola Rober Capa scatta una tra le più famose fotografie di guerra della storia

Robert Capa, pseudonimo di Endre Ernő Friedmann, è stato uno dei più grandi fotografi di guerra. Nato in Ungheria, si trasferisce a Berlino per studiare. Qui ottiene il primo lavoro come fotografo. Da allora coltiva la passione per la fotografia, ma l’avvento del nazismo lo costringe a trasferirsi a Parigi. Nella capitale francese la vita non è facile. Insieme alla sua compagna Gerda Tardo decidono di creare il personaggio “Robert Capa”, un fantomatico americano giunto in europa per fare fotografie. L’espediente funziona e da allora la coppia ottiene molte commesse. Nel 1936 i due si recano in Spagna per documentare la guerra civile. Gerda Taro purtroppo muore schiacciata per sbaglio da un carro armato. Robert pubblicherà in suo onore “Death in making” un libro contenente le foto scattate da entrambi. Nel frattempo Capa è diventato famoso per una foto scattata a Cordova. Essa ritrae un soldato repubblicano nel momento in cui viene colpito a morte da un proiettile (vedi foto sotto). È considerata una fra le più famose fotografie di guerra mai scattate.

View this post on Instagram

The falling soldier

A post shared by Robert Capa (@robert_capa_fanpage) on

In Sicilia Robert Capa si lancia con il paracadute insieme ai soldati americani

Allo scoppio della seconda guerra mondiale Robert Capa è costretto a trasferirsi a New York. Quando gli alleati sbarcano sul continente il fotografo è sul campo per immortalare quelle immagine. Molti dei fatti sono raccontati nel suo diario “Fuori fuoco“. In esso sono descritte la stanchezza e la sensazione di vuoto che lo colpisce assistendo all’atrocità della guerra. Nel 1943 partecipa all’arrivo degli alleati in Sicilia. Capa stesso si lancia di notte con il paracadute insieme ai soldati. Rimarrà impigliato su un albero e sarà liberato solo il giorno dopo. Di questo periodo sono alcune delle sue foto più famose. Celebre la foto del “Pastore e del soldato”. La foto ritrae un pastore siciliano che da indicazioni ad un soldato per Sperlinga. La foto divenne famosa in tutto il mondo per il suo valore simbolico. Capa in seguito scrive: «Erano immagini molto semplici. Mostravano quanto noiosa e poco spettacolare fosse in verità la guerra».

View this post on Instagram

#liberationday #italy Robert Capa photos in Italy 1943-45

A post shared by Robert Capa (@robert_capa_fanpage) on

Lo sbarco in Normandia, la guerra in Indocina e l’incidente che gli costò la vita

Il 6 giugno 1944 parte l’operazione D-Day. Le forze alleate stanno per sbarcare in Normandia e Robert Capa decide di unirsi alle truppe. La missione è pericolosa e tragica. Il fotografo è comunque in prima linea per immortalare quei momenti. Gli scatti andranno purtroppo persi a causa di un errore del tecnico di laboratorio. Sopravvivono solo 6 scatti danneggiati (vedi foto sotto). Da allora il fotografo ha fotografato le scene di altre battaglie, come la liberazione di Parigi o la guerra arabo-israeliana (1948).
Nel 1954 scoppia la prima guerra in Indocina e Robert Capa decide di partire. Qui è al seguito un una truppa francese comandata dal colonnello Jean Lachapelle. Sulla via del ritorno decise di salire su un terrapieno per le ultime foto e qui purtroppo posò il piede sulla mina che lo uccise.

View this post on Instagram

D-day Normandy 1944.06. 06

A post shared by Robert Capa (@robert_capa_fanpage) on

Info

Luogo: Oranienburger Str. 28-30, 10117 Berlin
Sito web: link
Telefono: +493088028300

Orari:
lunedì –> 10:00-14:00
martedì –> 10:00-14:00
mercoledì –> 10:00-14:00
giovedì –> 10:00-14:00
venerdì, sabato –> chiuso
domenica–> 10:00-17:00

Leggi anche: Berlino, riunite le 63 tavole dell’atlante figurativo Mnemosyne. In mostra per la prima volta dal 1929

Studia tedesco via Zoom/Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter 

Immagine di copertina: Screenshot da Youtube

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *