La tragica scomparsa di Madeleine McCann forse risolta grazie ad una tv tedesca

Un criminale sessuale tedesco è stato identificato come sospetto nella scomparsa di Madeleine McCann

Madeleine “Maddie” McCann è scomparsa dal suo letto in un appartamento per le vacanze in un resort a Praia da Luz in Portogallo nel 2007. Da allora non è stata più ritrovata. Le autorità tedesche credono che sia probabilmente morta da più di dieci anni ma oggi la comparsa di un nuovo sospetto riaccende le speranze per la giustizia. I pubblici ministeri tedeschi stanno indagando su un uomo tedesco di 43 anni, denunciato mercoledì scorso dall’Ufficio federale di polizia criminale (BKA). I pubblici ministeri della città nordoccidentale di Braunschweig hanno dichiarato che è sospettato dell’omicidio dell’allora ragazza britannica di 3 anni. «Da questo si può dedurre che stiamo lavorando sul presupposto che la ragazza sia morta» ha dichiarato un portavoce dell’ufficio del procuratore, Hans Christian Wolters, in una conferenza stampa di giovedì a Braunschweig. Il sospettato è un criminale sessuale con molteplici condanne, compresi gli abusi sessuali sui bambini. Attualmente è in prigione per reati non collegati al caso McCann. Finora, la polizia britannica aveva preso una nota più cauta, dicendo che continuava a trattare il caso come un’indagine sulle persone scomparse e cercava ancora prove che McCann fosse ancora viva.

Ricerca a lungo termine

La bambina è scomparsa mentre era in vacanza con la sua famiglia in un resort a Praia da Luz, nella regione dell’Algarve in Portogallo. Da allora non è stata più vista, nonostante le ampie indagini della polizia e il clamore dei media. È scomparsa dalla casa di vacanza mentre i suoi genitori cenavano con gli amici in un ristorante vicino. I suoi fratelli gemelli più piccoli sono illesi. Tra il 1995 e il 2007, il sospettato tedesco ha vissuto principalmente nella regione dell’Algarve, anche in una casa tra Lagos e Praia da Luz. L’indiziato senza nome avrebbe integrato il suo reddito con mezzi criminali, tra cui furti con scasso in complessi alberghieri e case di villeggiatura così come vendita di droga. L’ufficio del procuratore di Braunschweig sta conducendo le indagini perché l’ultimo indirizzo registrato del sospetto prima di andare all’estero si trovava nella regione dove era presente anche la ragazzina scomparsa.

I genitori di Madeleine erano già apparsi nel programma tedesco di crimewatch ‘Aktenzeichen XY’ nel 2013

La scomparsa di Maddie è stato uno dei casi presentati nell’edizione di mercoledì del programma televisivo tedesco “Aktenzeichen XY” che chiede regolarmente aiuto al grande pubblico per i crimini irrisolti. I McCanns erano apparsi per la prima volta nel programma della ZDF nel 2013, quando una soffiata ha portato la polizia a indagare su questo sospetto. L’investigatore capo Christian Hoppe ha detto che allora non c’erano abbastanza informazioni per un arresto o un’indagine. Informazioni più solide sul sospetto sono emerse nel 2017. Un portavoce della famiglia McCann, Clarence Mitchell, ha detto alla televisione della BBC, giovedì mattina, che «di tutte le migliaia di indiziati e potenziali sospetti che sono stati menzionati in passato, non c’è mai stato qualcosa di così chiaro come questo, non da una sola, ma da tre forze di polizia». Il caso ha fatto notizia a livello internazionale ed è spesso riaffiorato sulla stampa britannica nel corso degli anni. A un certo punto, la polizia portoghese aveva indicato i genitori di McCanns come sospettati: una battaglia per diffamazione tra l’investigatore principale in Portogallo e i McCanns sono arrivati fino alla Corte Suprema del Portogallo per ben due volte.

Leggi anche: A Berlino la protesta Black Lives Matter

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Screenshot da Youtube

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *