Kaiser Wilhelm Brücke, lo straordinario ponte girevole nel nord della Germania un tempo il più lungo al mondo

Il ponte girevole più lungo d’Europa: il Kaiser Wilhelm Brücke. Una delle meraviglie di Wilhelmshaven da vedere almeno una volta nella vita.

Kaiser Wilhelm Brücke è uno storico ponte girevole della città di Wilhelmshaven, nella Bassa Sassonia. È stato inaugurato il 4 settembre del 1907 e da allora rappresenta il punto di riferimento della città.
Il ponte è diventato un’importante attrazione turistica. I visitatori che si recano a Wilhelmshaven non possono non fare una capatina per ammirare questa magnifica opera urbana, riconosciuta come monumento nazionale. L’importanza di questo monumento si evince anche dal fatto che nel 2007 Deutsche Post ha pubblicato un francobollo  per commemorarne il centenario.
Il Kaiser Wilhelm Brücke conduce al Großer Hafen e collega la città con la spiaggia (Südstrand) e con l’itinerario turistico “Maritime Meile” ricco di musei e attrazioni a tema marittimo.

Kaiser Wilhelm Brücke: storia e dettagli della costruzione

La costruzione iniziò nel 1905 e si concluse nel 1907 per un totale di 1,625 milioni di marchi. Il ponte è lungo 159 metri e largo 8. Nell’anno della sua fondazione era il ponte girevole più grande di tutta l’Europa. In realtà, ancora ad oggi nessun ponte girevole europeo lo supera in lunghezza. Infatti, un ponte di dimensioni simili fu smantellato nel 1944.

La costruzione del ponte si è resa necessaria durante la terza fase di costruzione del porto. Bisognava infatti realizzare un ponte sui nuovi bacini portuali. Anton Rieppel ha elaborato il progetto, mentre la costruzione è avvenuta per mano della società MAN (Gustavsburg).

Nel novembre del 1905 sono iniziati i lavori per la costruzione delle fondamenta e della sottostruttura in calcestruzzo. Dopo un anno esatto dall’inizio dei lavori, la società MAN ha assemblato la struttura in acciaio. I componenti prefabbricati, utilizzati per la fase finale di assemblaggio, sono stati trasportati via mare a Wilhelmshaven. Il capo della marina dell’epoca, Ernst Troschel, del dipartimento di costruzione del porto dell’Imperial Shipyard, ha diretto i lavori. Il ponte è entrato in funzione il 4 settembre 1907.

Il Kaiser Wilhelm Brücke è un ponte a doppia rotazione, composto da due parti di ponte a braccio unico, in grado di ruotare autonomamente. Il ponte è sostenuto da due piloni rotanti che si muovono grazie ad un particolare ingranaggio a ruote dentate. I due pilastri sono alti circa 20 metri. Nel 1998 l’ingranaggio di rotazione della parte sud del ponte è stato danneggiato a causa di una collisione ed è stato necessario ripararlo. L’altezza massima delle navi che possono passare sotto al ponte è di 9 metri, mentre la larghezza del passaggio è di circa 58 metri. In origine la superficie delle corsie del ponte era in legno di quercia. Inoltre, nel 1913 sono stati realizzati i binari per il passaggio della linea 2 del tram che porta alla spiaggia.

Nel 2003, una nave cargo ha colpito e danneggiato lievemente il ponte. In occasione dell’anniversario, nel 2007, è stato dotato di due portali luminosi, ricostruiti secondo il modello storico. In seguito è stato chiuso al pubblico per tre anni. Infatti dal settembre 2010 al settembre 2013 sono state svolte delle opere di ristrutturazione. Ad oggi il ponte è dotato di illuminazione a LED e osservarlo in movimento è sorprendente.

Cosa non perdere se ci si reca a Wilhelmshaven

Wilhelmshaven è una città fondata dal Kaiser Guglielmo I nel 1869. Essa nasconde il primo porto della Germania e rivendica il titolo di prima grande base navale tedesca. La città preserva tanti gioielli che non possono sfuggire all’ammirazione dei turisti. Sono molte le attività che si possono svolgere in un luogo come Wilhelmshaven, dalle visite ai musei, ai tour guidati nel porto o semplicemente una passeggiata in spiaggia. Per gli amanti della natura, la città rappresenta anche il principale punto di partenza per la visita del Wadden Sea Park. Questo parco nazionale è diventato patrimonio dell’UNESCO nel 2009. Anche per gli appassionati di architettura le strutture da osservare non mancano. L’imponente Rathaus Wilhelmshaven, ovvero il municipio della città completato nel 1929, è una di queste.

Sicuramente non bisogna perdere il “Maritime Meile” o “miglio marittimo”. Si tratta di un itinerario turistico lungo quasi 2 km adatto a tutte le età. Partendo dal Bontekai, il lungomare della città, si intraprende un percorso che permette ai turisti di visitare tutte le attrazioni a tema marittimo di Wilhelmshaven.

Tra queste, bisogna visitare il museo navale tedesco nel vecchio cantiere imperiale. Si tratta di un museo militare che racchiude 170 anni di storia della Marina tedesca. La storia viene raccontata dal punto di vista politico, culturale e sociale, attraverso dipinti, fotografie, uniformi, bandiere e tanti altri oggetti antichi. All’ingresso si può osservare una miniatura di un U-Boat di Seehund, in cui l’equipaggio – composto da due soli uomini – lavorava in condizioni quasi impossibili.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da CHЯISΓIИ 🦋 (@christinkatzses)

Ma Wilhelmshaven non è solo musei. È anche una bellissima città per il turismo estivo, con l’unica spiaggia della Germania esposta a sud: la Südstrand. Durante l’estate, la spiaggia e il lungomare sono pieni di Strandkörbe. Si tratta di particolarissime sedie a sdraio, caratterizzate da strisce colorate e rivestite in vimini. La loro peculiarità è quella di essere coperte, per riparare le persone dal vento. Le Strandkörbe possono essere affittate per tutto il tempo che si vuole.

Strandkörbe da Wikimedia

Gli amanti delle rose non potranno non visitare il roseto che si trova nello Stadtpark. Il rosarium apre da metà maggio ad ottobre e comprende oltre 5000 rose di 500 varietà diverse. È caratterizzato da diversi habitat. Ad esempio si potranno osservare il roseto inglese, un “canyon” di rose selvatiche, un giardino rococò o un giardino monastico. Nel giardino è presente un palco, il Rosenbühne, dove si svolgono concerti o spettacoli teatrali. Su questo palco, nel mese di giugno, si tiene il Rosenfest.


Anche l’Acquario merita di essere visitato. Al suo interno vi sono oltre 250 specie di animali marini, di cui oltre 60 sono specie locali. Qui i bambini potranno divertirsi ad osservare foche, pesci piatti, granchi di mare, pesci uncinati. Ma l’acquario ospita anche creature più esotiche, come i pesci antartici che vivono in acque ghiacciate e sono dotati di una sorta di antigelo nel sangue. Nell’acquario sono presenti anche pinguini, squali e caimani.

Molto bello anche il mulino a vento nel distretto di Heppens, risalente al 1839. In realtà, Kopperhörner Mühle rimpiazza un mulino del 1547 distrutto durante una tempesta nel 1689. Nel 1922 il mulino era abbandonato, ma in seguito la città ha provveduto ad acquistarlo. Dentro c’è un museo con orari di apertura limitati, quindi è una buona idea controllare il sito di Wilhelmshaven prima di recarvisi.


Le famiglie con bambini piccoli potrebbero recarsi allo Störtebeker Park. Si tratta di un parco realizzato negli anni ’80 nell’ambito del progetto ‘giovani senza lavoro’. Al suo interno vi sono riproduzioni in scala dei monumenti della città come il municipio o il mulino a vento.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Der Oldenburg Blog (@deroldenburgblog)


Oltre a tutto ciò, le famiglie potranno anche vivere esperienze uniche come la spedizione di avvistamento foche nel Wadden Sea Park o la gita in barca, con la nave da crociera MS Harle Kurier, che porta i visitatori dal Grosser Hafen fino al JadeWeserPort.

Insomma, Wilhelmshaven è una città unica, che offre molti luoghi fantastici dove poter trascorrere delle giornate all’insegna del divertimento, ma anche dell’apprendimento!

Leggi anche Hedeby e le mura di Danewirke, un tuffo nella storia dei vichinghi dal 2018 patrimonio Unesco

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Kaiser Wilhelm Bridge da Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *