Il Burundi chiede 36 miliardi di € a Germania e Belgio per il loro passato colonialista nel Paese

Il Burundi richiede un risarcimento di 36 miliardi di euro a Germania e Belgio

Il Burundi, paese dell’Africa orientale, è un’ex colonia tedesca e ha vissuto sotto il dominio belga fino all’ottenimento dell’indipendenza nel 1962. Ogg,i il Paese africano chiede alla Germania e al Belgio un risarcimento danni per il loro dominio coloniale di 36 miliardi di euro, pari a 42,6 miliardi di dollari. Ma non è finita qui. Secondo Radio France International, il Senato del Paese ha riunito un gruppo di esperti per valutare i danni fatti durante il periodo coloniale e suggerire il costo dei danni da pagare. Lo speaker radiofonico ha dichiarato che, una volta stabilito l’importo, il Burundi intende inviare queste sollecitazioni sia al Governo tedesco che a quello belga. Inoltre, il Paese africano intende chiedere agli stati membri dell’Unione Europea di restituire i manufatti storici rubati e il materiale d’archivio.

Il periodo del colonialismo

Era il 1890 quando la Germania prese possesso del Burundi, diventando parte dell’Africa orientale tedesca. In seguito alla Prima Guerra Mondiale, il Paese è passato poi sotto il governo belga, fino a quando ha ottenuto la sua indipendenza nel 1962. Durante il periodo coloniale le due potenze dominanti hanno contribuito a rafforzare il divario fra i gruppi hutu e tutsi. Questo ha portato ad un violento conflitto etnico fra di loro negli anni ’70 e poi un’altra guerra civile iniziata nel 1993 e durata 12 anni, che ha ucciso circa 300.000 persone. Il Governo belga ha condotto un programma di rapimento di bambini birazziali negli anni ’40 e ’50 del secolo scorso. Il Belgio si è ufficialmente scusato nel 2009 per gli errori e orrori commessi durante quel periodo.

Il passato

Anche se è passata in secondo piano rispetto ad altre potenze coloniali, la Germania era un tempo la quarta potenza coloniale più grande del mondo. Oltre all’Africa orientale tedesca, composta dall’attuale Ruanda, Burundi e da parti della Tanzania, la Germania possedeva i territori dell’odierna Ghana e Namibia. Dal 2015 il Governo tedesco sta negoziando con la Namibia, perché il Paese africano richiede risarcimenti di danni morali e materiali. La Namibia infatti, vuole le scuse ufficiali dalla Germania per le innumerevoli violenze compiute e i crimini commessi durante il suo dominio coloniale. Il Belgio sta progettando di riunire un gruppo di esperti per consigliare la sua amministrazione su come affrontare la sua storia coloniale.

Leggi anche: Berlino, possibile divieto del consumo di alcol nei bar

Studia tedesco via Zoom/Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *