Ikea lancia il Buy-Back Friday: ti compensa se gli dai tuoi mobili in buono stato

La multinazionale svedese IKEA acquisterà i vostri mobili usati a metà del prezzo originale. Il programma sarà attivo dal 24 novembre al 3 dicembre 2020.
Andando contro coloro che associano IKEA all’idea di consumismo, la compagnia si augura di incrementare così il suo livello di sostenibilità e di ridurre quindi il proprio impatto sull’ecosistema.

Il programma Buy Back

Siete in Germania e avete mobili IKEA che non utilizzate più? Il programma Buy Back allora fa al caso vostro: potrete rivendere il vecchio mobilio al negozio in cambio di una card per acquisti futuri.
La vostra impolverata libreria BILLY potrebbe infatti diventare un’occasione imperdibile per chi è alla ricerca di un pezzo classico dell’azienda. IKEA saluterà il 2020 con questa visione sostenibile dello shopping che magari riuscirà ad influenzare anche la concorrenza.

Il miglior modo di risparmiare? Vendere!

La multinazionale, per porgere una mano all’ambiente, ha proposto una rivisitazione del concetto base del Black Friday. Se infatti l’obiettivo del tanto atteso venerdì è quello di risparmiare, la compagnia cerca di farlo chiedendo ai suoi clienti di rivenderle mobili usati targati IKEA. Inoltre, ai fortunati possessori della card IKEA FAMILY, la vendita frutterà il doppio.

Come funziona la procedura?

Per iniziare, andate sul sito web, dove troverete istruzioni dettagliate del programma Buy Back. Non potrete rivendere ad esempio prodotti che non siano targati IKEA, prodotti elettrici o mobili che sono stati utilizzati all’aria aperta. Se poi invece voleste rivendere il vostro divano, dovrete accertarvi che sia pulito e senza alcuna macchia.
Se il mobile dovesse rispettare i requisiti elencati ed approfonditi sulla pagina, potrete dare inizio alla procedura. Prima di tutto dovrete compilare il modulo online, poi portare il mobile in negozio, dove ne verranno valutate le condizioni effettive. Infine sarete rimborsati tramite una card spendibile entro un anno.

Una nuova pagina per IKEA

Dopo essere stata accusata di incentivare il consumismo, la compagnia ha incrementato il suo impegno nel raggiungere una maggiore sostenibilità ambientale. Nella sezione dedicata del sito web infatti, la compagnia si prefigge degli obiettivi che spera di poter raggiungere entro il 2030. Tra dieci anni ad esempio, IKEA spera di poter produrre in base ai principi dell’economia circolare e utilizzare esclusivamente materiali riciclati e rinnovabili.
Un invito e soprattutto un auspicio, per un futuro migliore.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Ikea da Pxfuel – Pubblico Dominio

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *