Germania, lo scandalo militare neonazi si allarga

In Germania tolleranza zero per gli estremismi: via il capo dell’intelligence Christof Gramm

Troppo pericolose per essere ignorate. Il rischio di infiltrazioni d’estrema destra in campo militare pone i leader politici dinanzi ad una sfida senza precedenti. Prima conseguenza dei numerosi scandali militari legati all’estrema destra è il pensionamento anticipato di Christof Gramm, vertice del servizio d’intelligence militare, conosciuto come MAD. Come scrive il New York Times, è quanto annunciato dal Ministro federale della Difesa Annegret Kramp-Karrenbauer, giovedì scorso. Dal 2015 Gramm era alla guida dell’organo investigativo tedesco incaricato di monitorare l’andamento degli estremismi. Durante la permanenza di Gramm, prosegue il New York Times, i fenomeni d’estrema destra nei corpi militari sono cresciuti vertiginosamente. I maggiori casi riguardano la detenzione di armi ed esplosivi. Il generale fallimento del MAD, tuttavia, non intacca direttamente l’integrità personale di Gramm. Queste le parole di alcuni ufficiali vicini all’interessato.

Gli scandali che hanno portato all’allontanamento di Christof Gramm

Il caso Gramm esplode a soli tre mesi di distanza dall’ennesima minaccia estremista. Ancora una volta è la Ministra Kramp-Karrenbauer ad intervenire smantellando quasi interamente un altro corpo di forze speciali. Si tratta del KSK (Kommando Spezialkräfte), vero e proprio covo di estremisti. Un arsenale di armi rubate ed esplosivi e cimeli nazisti è quanto rinvenuto dagli investigatori, di proprietà del sergente alla guida del KSK dal 2001. Alcune testimonianze riportano di saluti nazisti tra soldati e musica rock nazi durante le feste. Più di 600 i soldati interrogati, mentre 48.000 cartucce e 62 kg di esplosivo sono stati fatti sparire dal KSK.

Commentando lo scandalo della KSK a Luglio, per Kramp-Karrenbauer il lavoro del MAD è insoddisfacente.  L’appello della Ministra ad un concreto miglioramento del servizio ha accompagnato le dichiarazioni di giovedì. Questo implica sforzi aggiuntivi, dinamismo e cambiamenti nel personale impiegato. Obiettivo centrale è quello rendere più stretta la cooperazione con l’Agenzia Nazionale di Intelligence. Per i vertice di quest’ultima gli estremismi sono il maggior pericolo per la democrazia tedesca.

Purtroppo questi non sono casi isolati. Negli ultimi 16 mesi gli estremisti sono stati responsabili di numerosi crimini. Tra questi l’uccisione di un politico, un attacco alla sinagoga ed una sparatoria contro un gruppo di migranti, che ha causato 9 morti. Segnali concreti di una negligenza che non va più tollerata.

Quando nemmeno le riforme bastano: lo strano caso del MAD

Scovare insidiose reti estremiste e personaggi potenzialmente pericolosi nelle forze armate è il compito del MAD. Ma proprio l’estrema destra ha macchiato la sua reputazione ed affidabilità. All’ulteriore scoperta neonazi nel Kommando Spezialkräfte, a rimetterci la faccia e il lavoro sarà proprio il dirigente del MAD Christof Gramm. Una decisione annunciata dal Ministro della Difesa Kramp-Karrenbauer, scrive la Deutsche Welle, in accordo con Gramm stesso.

Alla guida del MAD dal 2011, Gramm, precisa Focus, ha partecipato attivamente ad un processo di riforma dell’istituzione. Questo con l’obiettivo di aggiornarla e modernizzarla. Tra le proposte, figurano una maggiore collaborazione con altre autorità nelle analisi delle reti da monitorare. A completare la riforma, infine, un’innovazione generale del personale e del lavoro svolto. In un primo momento i risultati ottenuti sono stati molto positivi, prosegue la Ministra Kramp-Karrenbauer. Tuttavia, il lavoro da fare è ancora lungo e piuttosto dispendioso. Sia la Ministra, sia Gramm concordano nella necessità di un ulteriore sforzo e dinamismo per far fronte ad una piaga che non si può più ignorare. I cambiamenti da effettuare devono essere visibili e concreti.

 

Leggi anche: Un giornale ebraico di Berlino vuole che si cambi il nome alla stazione Karl-Marx-Straße

 

Studia tedesco via Zoom/Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Pixabay -© Tayeb Mezahdia/ 30 CCO

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *