Germania, da due giorni tasso di contagio superiore a 1. RKI: «Seguiamo con attenzione il trend»

Il dato è importante, ma da leggere con attenzione per evitare di forzare qualsiasi interpretazione

Il Robert Koch Institute (RKI) ha confermato stamattina, lunedì 11, che il tasso di riproduzione del coronavirus (valore R) in Germania è al di sopra di 1 per il secondo giorno consecutivo. Avere un R minore di 1 è il valore che politici ed esperti sanitari hanno più volte sottolineato come condizione necessaria per considerare sotto controllo la pandemia. Secondo i dati del RKI, il tasso di riproduzione in Germania – che tiene conto dell’inevitabile ritardo statistico nella consegna dei dati nel fine settimana – è ora di 1,13, rispetto a 1,1 del giorno precedente e 0,83 di venerdì. L’attuale valore significa che 10 persone contagiate infettano a loro volta 11 persone Mercoledì scorso, quando la cancelliera Angela Merkel aveva annunciato un ampio allentamento delle restrizioni al coronavirus, il tasso R era di 0,65 ed era rimasto al di sotto di 1 per la maggior parte delle tre settimane precedenti. Difficile dare un’unica spiegazione al rialzo del tasso. Il maggiore numero di tamponi effettuati anche su asintomatici così come le maggiori aperture a partire dal 20 aprile scorso sono due delle ipotesi, ma non vi è nulla di certo. Certo è che più il numero totale di casi scende più il tasso è sensibile a qualsiasi cambiamento. Al momento secondo la Johns Hopkins University in Germania si contano 171.879 casi ufficiali, di cui 7569 decessi e 145.600 guariti. I casi attuali sono 18710 di cui l’8% in condizioni serie. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati positivi 555 individui.

Come leggere il tasso R e quali sono le condizioni per un ritorno ad un forte lockdown in Germania

L’RKI ha sottolineato che la stima implica sempre un “grado di incertezza” e che è troppo presto per dire se si può parlare di un trend stabilmente crescente, anche se la leggera ripresa rende necessaria un’attenta osservazione dei dati. Il tasso R può variare di giorno in giorno. Non bisogna soffermarsi troppo sui dati giorno per giorno, ma vedere il trend generale. Al momento le varie regioni tedesche hanno dichiarato che l’allentamento delle restrizioni generali subirà uno stop se all’interno dell’area dovessero crescere i nuovi casi di più di 50 infetti ogni 100mila persone ogni 7 giorni. Secondo l’RKI, questa situazione si è verificata in una manciata di distretti in tutto il paese, tra cui Coesfeld nel Nord Reno-Westfalia e Steinburg nello Schleswig-Holstein, dove due focolai in altrettanti macelli hanno fatto impennare i dati locali. Anche a Greiz, in Turingia, c’è stato anche un picco di infezioni tra pazienti e dipendenti in diverse case di cura e un ospedale geriatrico.

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *