Decine di migliaia in piazza in Germania contro il razzismo e la brutalità della polizia

Proteste in diverse città e alta partecipazione: il movimento Black Lives Matter infiamma il weekend tedesco

A partire dal primo pomeriggio di sabato 6 giugno, guardando dall’alto Alexanderplatz, si sarebbe potuta notare una marea di esseri umani che emergeva dai mezzi pubblici o dalle vie circostanti. Le autorità parlano di un totale di 15.000 persone riunite per manifestare la loro solidarietà al popolo afroamericano in lotta contro gli abusi polizieschi e per ricordare l’ennesima vittima innocente di questa violenza sistemica, George Floyd, soffocato a morte lo scorso 25 maggio.  Il weekend ha visto le piazze piene in tante città tedesche: Amburgo, Francoforte, Dresda, Düsseldorf e Lipsia sono state tutte molto partecipate. Tra gli slogan più sentiti: “No Justice / No Peace”, “No Trump, No KKK, No Fascist USA” e “Justice for Floyd”. Nonostante il grande numero di partecipanti, le manifestazioni hanno cercato di mantenere in forza le regole del distanziamento sociale e delle mascherine. La polizia di Francoforte si è dichiarata soddisfatta mentre ad Amburgo le forze dell’ordine hanno interrotto la protesta per questioni di salute pubblica. Si tratta del secondo weekend di protesta dopo le manifestazioni presso l’Ambasciata Americana a Berlino e possiamo aspettarci nuove manifestazioni Black Lives Matter nelle prossime settimane. Intanto, il Senato di Berlino si è già mosso per limitare gli abusi polizieschi con una nuova, discussa norma.

Le piazze tedesche tra le più attive al mondo

Il fine settimana ha visto manifestazioni in tutto il mondo: da Torino, Napoli e Milano fino a Londra e Bristol, passando per l’Australia. La Germania è tra i paesi con la più grande partecipazione. Il movimento antirazzista tedesco non combatte solo le ingiustizie del sistema americano ma anche quelle che accadono in Germania.  Poco prima dell’esplosione della pandemia, il 19 febbraio, una strage nazista ad Hanau ha tolto la vita a 9 persone di origine turca, ferendone altre 5. Inoltre, la polizia tedesca è stata accusata in diversi casi di connivenza e simpatia con l’estrema destra, oltre ad aver subito svariate accuse di racial profiling. Il problema nato negli USA ha una particolare risonanza nella Repubblica Federale dove, nonostante una società multiculturale, il razzismo è ancora presente a tanti, troppi livelli.

Leggi anche: “I can’t breathe” il murale sul Muro di Berlino e l’azione di street art dei berlinesi 1UP

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Foto dell’autore

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *