Berlino, sempre più dipendenti da alcol o con problemi psichici

La Kaufmännische Krankenkasse (KKH) di Berlino ha registrato un aumento di persone assicurate che richiedono intervento medico a causa di dipendenze o problemi psichici causati dall’alcol

L’aumento sarebbe del 34 % rispetto a dieci anni fa. La situazione non è migliore negli altri Stati federali, a livello nazionale l’aumento è stato addirittura del 37 %. L’aumento più importante è stato registrato in Sachsen-Anhalt (circa 68 %), mentre il più basso ad Amburgo (18 %). Sempre a livello nazionale, sono 28.000  le persone che quotidianamente abusano di alcol. Già nel 2012 era stato lanciato l’allarme dall’assicurazione sanitaria Barmer Gek. Secondo i dati del rapporto ospedaliero di quell’anno, l’abuso di alcol in Germania era la causa più comune di ricovero. Quasi dieci anni dopo, la situazione sembra essersi aggravata. Adesso a Berlino sono 80.000 gli uomini e le donne che soffrono di dipendenza da alcol.

Il lockdown da pandemia potrebbe essere una delle cause dell’aumento di consumo di alcolici

Durante il lockdown di marzo, la Germania ha registrato un aumento di persone in cerca di aiuto a causa della dipendenza da alcol. Le ragioni sarebbero principalmente due. Una risiede nell’aspetto psicologico legato alla pandemia ed al lockdown. Il fatto di non poter stare in compagnia, ha spinto molte persone a bere in casa in modo da sostituire gli eventi sociali mancati. Secondo uno studio pubblicato dalla rivista Spiegel, la vendita di vino a fine marzo è aumentata del 34 % in rapporto allo stesso periodo di febbraio ed in generale la vendita di alcolici è aumentata del 31 %. L’altra ragione sarebbe legata alla cattiva informazione circolata sui social riguardante le cure per il Coronavirus. Tra queste, infatti, si consigliava l’uso di alcolici. In realtà, l’uso di alcolici è sconsigliato in quanto può indebolire il sistema immunitario.

Alcolismo, una questione culturale?

«La ricerca condotta in precedenza sui paesi dell’Europa occidentale ha mostrato che la forza del rapporto tra alcool e danni sembra essere contingente al contesto culturale del bere». È quanto afferma Jonas Landberg, un ricercatore del Centro per la ricerca sociale su alcool e droghe dell’Università di Stoccolma. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Alcoholism: Clinical & Experimental Research. Le regioni del Nord Europa mostrano un maggior rapporto alcol-danno poiché c’è una propensione all’assunzione pesante di alcol episodica, ovvero il bere compulsivo. Inoltre, secondo l’OMS, in Germania il consumo di alcol è maggiore rispetto alla media nel resto d’Europa: ogni tedesco, sopra i 15 anni, consuma in media 11,8 litri di alcol puro all’anno, 10,9 litri nel resto d’Europa e 6,2 litri nel resto del mondo.

Leggi anche Germania, insegnanti sostengono l’alcol nelle scuole per evitare eccessi futuri

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagini di copertina: Foto Man di Michal Jarmoluk da © Pixabay CC0

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *