Berlino e 6 altre città tedesche chiedono al governo di potere accettare rifugiati minorenni

Sette sindaci di alcune città tedesche firmano una lettera di patteggiamento per accogliere i rifugiati minorenni provenienti dai campi profughi greci

La lettera arriva dopo il rifiuto da parte del governo federale di accogliere i migranti provenienti dai campi profughi. L’appello  firmato solo due giorni dopo dai sindaci di Colonia, Düsseldorf, Potsdam, Hannover, Friburgo, Rottenburg e Francoforte , così come il ministro degli interni della Bassa Sassonia, Boris Pistorius, ha come obiettivo quello di accettare l’onda di minorenni richiedenti asilo in arrivo dalla Grecia. Come riporta la testata giornalistica tedesca DW  “la situazione nelle isole greche è drammaticamente peggiorata negli ultimi giorni. Per i bambini e le donne, in particolare. I campi, completamente sovraffollati, mancano delle infrastrutture indispensabili, delle cure mediche e dei rifugi, sono insostenibili”. All’interno della lettera vi è la richiesta al governo di legalizzare l’accoglienza verso queste persone. Ci sono oltre 140 città tedesche pronte ad ospitare.

L’alleanza dei  cosiddetti Paradisi sicuri è pronta ad accogliere i richiedenti asilo

La rete di città e comunità che in Germania ha firmato la mozione e si è detta pronta ad ospitare i minorenni profughi, ha già dichiarato la sua disponibilità ad accettare immediatamente fino a 500 minori non accompagnati di età inferiore ai 14 anni che vivono in uno stato di emergenza e che vengono accolti in condizioni inaccettabili sulle isole greche. La funzionalità degli strumenti di queste città, la capacità di accoglienza sono tutti elementi che sono già stati esaminati. Tutte le città pronte ad ospitare sono capaci di accogliere al meglio queste persone e assicurare un’assistenza educativa ai bambini. Si cercherebbe di dare priorità ai bambini orfani e ai bambini soli nei campi profughi. Il Bundestag ha respinto una mozione del partito dei Verdi per l’ammissione di 5.000 minori dai campi profughi greci. Il ministro degli Interni tedesco Horst Seehofer, che ha assunto una posizione dura nei confronti dei migranti, ha dichiarato che la Germania accoglierà i rifugiati solo nell’ambito di una più ampia iniziativa europea. La Germania è stata una delle destinazioni più ricercate durante la crisi migratoria europea del 2015. Il paese ha visto più di un milione di richiedenti asilo tra gennaio e dicembre 2015. Queste ondate migratorie precedenti portano il governo ad essere più rigido verso i richiedenti asilo.

Migliaia di profughi cercano di oltrepassare il confine, perché?

Il governo tedesco ha seguito da vicino la situazione del confine greco-turco. A Febbraio la Turchia ha dichiarato che non avrebbe più impedito ai rifugiati di entrare nell’Unione Europea. Questo annuncio ha di fatto distrutto un accordo con l’Unione Europea del 2016. Migliaia di migranti si sono diretti verso la vicina Grecia e la Bulgaria, due stati membri dell’Unione Europea. Entrambi i Paesi hanno inviato forze di sicurezza ai rispettivi confini con la Turchia per evitare un afflusso massiccio di migranti. Già nel 2019 la Grecia ha visto aumentare il numero dei rifugiati provenienti dalla Turchia. Oltre 60.000 richiedenti asilo sono sbarcati nelle isole dell’Egeo l’anno scorso. I campi profughi sulle isole sono sovraffollati e mancano di medicine e dei beni di prima necessità.

Leggi anche: Il brutale discorso della Von der Leyen in Grecia che mostra chi ha il potere e chi no

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina: PixaBay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *