Berlino dedica una grande mostra alla fotografa Letizia Battaglia

Mostra fotografica: Letizia Battaglia, Palermo e la lotta alla mafia

In questa mostra fotografica, la fotografa palermitana Letizia Battaglia racconta la vita delle strade, le donne e gli omicidi di mafia. Battaglia vede la fotografia come impegno civile, un mezzo per descrivere la realtà senza filtri. Non importa lo status delle persone ritratte: ricchi, poveri o emarginati ma, oltre ai corpi di giudici e vittime senza nome, Letizia Battaglia ritrae bambine e giovani donne, le figurazioni di un futuro possibile. La mostra allestita presso l’Istituto Italiano di Cultura espone questi scatti che mostrano uno sguardo insieme partecipe e distaccato, e che conducono in un itinerario di realtà senza retorica, nel quale il quotidiano si fa documento. Alla fine del periodo di esposizione, l’Istituto offre due incontri: il 29 ottobre con Letizia Battaglia nell’ambito del ciclo Pianeta Mafia, a cura e con Nando dalla Chiesa, e il secondo con uno storico della fotografia (da confermare).

View this post on Instagram

La bambina lavapiatti. Monreale, 1979. © Letizia Battaglia "Ero in giro a fare foto a Monreale: il chiosco, il Duomo, la gente. Mi infilai in un vicolo e già dalla strada lei mi apparve. Una bambina stava lavando le stoviglie dentro una tinozza di rame. Dentro la stanza in penombra, alcuni uomini mangiavano. Una specie di taverna. Era mattina, le ragazzine della sua età erano a scuola. Lei non c'era mai andata" . . . . . #letiziabattagliaanthologia #letiziabattaglia_official #letiziabattaglia #letiziabattagliaphotography #fotografiitaliani #storiadellafotografia #photoreporter #photographer #bnw #fotografia #palermo #worldphotography #worldphoto #antimafia #artphotography #instaphoto

A post shared by Letizia Battaglia (@letiziabattaglia_ph) on

Chi è Letizia Battaglia

Letizia Battaglia nasce a Palermo nel 1935. Oltre alla fotografia si impegna nella regia, nella politica e per la lotta ambientalista. Dal 1974 al 1991 dirige il team fotografico del giornale comunista L’ORA di Palermo e fonda l’agenzia “Informazione fotografica”. Nel 1974 comincia a documentare l’inizio degli anni di piombo nella sua città, scattando foto dei delitti di mafia per informare l’opinione pubblica. Ha ricevuto molti premi per il suo impegno civile come fotoreporter. Nel 2017 ha potuto realizzare un sogno con l’apertura del “Centro Internazionale di Fotografia” nei Cantieri Culturali della Zisa a Palermo. Ha esposto in Italia, nei paesi dell’Est Europa, in Francia, Gran Bretagna, America, Brasile, Svizzera, Canada. Quanto all’impegno politico, nel 1979 è diventata la cofondatrice del Centro di Documentazione “Giuseppe Impastato” e si è occupata di politica a cavallo tra la fine degli anni ’80 e i primi anni ’90.

Piersanti Mattarella, Presidente della regione Sicilia

L’Istituto Italiano di Cultura e il progetto DediKa 2020

La mostra è offerta dall’Istituto Italiano di Cultura all’interno del progetto DediKa 2020. Con questo progetto l’Istituto intende offrire ogni anno un ciclo organico di iniziative e approfondimenti intorno a un personaggio emblematico della cultura italiana contemporanea. La protagonista di quest’anno è Letizia Battaglia che, grazie al suo sguardo penetrante e il suo approccio diretto alla realtà, è la fotografa italiana più nota a livello internazionale.

“Letizia Battaglia, Palermo e la lotta alla mafia”

presso l’Istituto Italiano di Cultura
Hildebrandstraße, 2 – 10785 Berlin
Mostra nell’ambito dell‘European Month of Photography Berlin
24.09.2020 – 31.03.2021
Biglietti a fascia oraria

Leggi anche: Germania, ingegneri al lavoro per “riprogettare” il fiume Reno e renderlo ancora più redditizio

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Letizia Battaglia, iicBerlino

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *