A Berlino 20mila persone per una catena umana contro il razzismo.

Una manifestazione attraverso la capitale contro il razzismo e le disparità anche durante la pandemia

Migliaia di persone hanno manifestato a Berlino contro il razzismo e le disparità, specialmente in tempi di Coronavirus. I cittadini si sono disposti come una catena umana attraverso la capitale tedesca domenica 14, mantenendo sempre le distanze di sicurezza. Il percorso della catena umana – che si estende dalla famosissima Porta di Brandeburgo, passando per la torre della televisione dell’epoca comunista ad Alexanderplatz e arrivando fino al quartiere di Neukölln – ha dovuto essere ampliato per accogliere i numeri della manifestazione. «Il Coronavirus sta peggiorando le disuguaglianze esistenti. Molte persone sono minacciate di essere lasciate indietro. Non lo permetteremo», ha detto il portavoce del movimento Unteilbar (Indivisibili) Georg Wissmeier in una dichiarazione. Un portavoce del movimento progressista Unteilbar (Indivisibile) ha detto all’AFP che “più di 20.000 persone” hanno partecipato all’evento a Berlino, mentre la polizia ha stimato circa 8.000 persone. Centinaia di persone hanno manifestato anche in altre città come Lipsia e Amburgo, nonostante i temporali che hanno caratterizzato il fine settimanain tutta la Germania.

 

“I diritti umani, la giustizia sociale e la giustizia climatica sono indivisibili”

Più di 10.000 persone avevano manifestato a Berlino sotto la bandiera di Black Lives Matter lo scorso fine settimana in risposta all’uccisione del 25 maggio dell’afroamericano George Floyd a Minneapolis. Anche in questa occasione lo slogan era in evidenza sugli striscioni e sulle magliette. Ma gli organizzatori dell’ultima manifestazione hanno pubblicato sul loro sito web una serie più ampia di obiettivi. Le loro richieste includono migliori condizioni di lavoro e di retribuzione per tutti, compresi i migranti, alloggi a prezzi accessibili, il mantenimento dei diritti di asilo, il rilancio dell’economia secondo linee verdi e la possibilità per i lavoratori di avere più voce in capitolo nella gestione delle aziende. Diversi gruppi hanno gestito singoli tratti della catena umana, dai partiti politici come il partito dei Verdi e della sinistra alle organizzazioni della società civile come “Le nonne contro l’estrema destra” e il movimento per il clima giovanile Fridays for Future. I messaggi del gruppo “Ende Gelaende” che ha messo in scena sit-in in miniere di carbone a cielo aperto e centrali elettriche fossili sono apparsi accanto all’appello di un regista afghano che ha vissuto per sei mesi nel sovraffollato campo profughi di Moria in Grecia. «Tutto sta peggiorando sull’isola di Lesbo, dove molte persone in fuga dal Medio Oriente attraverso la Turchia raggiungono prima il suolo europeo» ha detto Ahmad Ebrahimi agli spettatori. «Per favore, fate tutto il possibile» ha esortato.

 

Le distanze di sicurezza sono state mantenute

Sul loro sito web, gli organizzatori di Unteilbar hanno esortato ad attenersi a “una forma di protesta responsabile in tempi di pandemia e di crisi”, dicendo ai partecipanti di rimanere a tre metri di distanza per minimizzare il rischio di trasmissione del coronavirus. Mentre la catena umana si metteva in moto, gli steward hanno distribuito strisce di nastro colorato tagliate alla giusta lunghezza come guida.Le precauzioni di controllo dell’infezione dei partecipanti sono state “esemplari”, ha detto un portavoce della polizia all’AFP, aggiungendo che le persone avevano mantenuto le distanze e indossato le mascherine protettive.

Leggi anche: Decine di migliaia in piazza in Germania contro il razzismo e la brutalità della polizia

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Sreenshot da Youtube

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *