bambini, ©Greyerbaby, https://pixabay.com/it/photos/ragazza-a-piedi-teddy-bear-bambino-447701/

Berlino apre le porte a 70 minorenni ora sull’isola di Lesbo

A Berlino saranno accolti e aiutati 70 bambini provenienti dall’isola di Lesbo

Venerdì 6 dicembre 2019 il sindaco di Berlino Michael Müller ha annunciato la decisione di accogliere nella capitale 70 minorenni migranti, non accompagnati dai genitori, dell’isola greca di Lesbo. La decisione è stata dettata dalle condizioni pietose e poco adatte al clima invernale in cui sono rifugiati i residenti.

[adrotate banner=”34″]

La situazione migrazione è abbastanza discussa tra i politici della capitale

La città di Berlino si era mostrata favorevole ad accogliere 50 migranti, ma alla fine il sindaco si è battuto per i 70. «Berlino è limpida. Le persone in cerca di protezione troveranno porte aperte e un rifugio sicuro a Berlino. Noi crediamo in questo e siamo pronti ad aiutare. In particolare questa causa riguarda chiunque fugga senza i propri genitori, e quindi ha ancora più bisogno di protezione», ha riportato Müller su Twitter. Ma Horst Seehofer, Ministro federale degli Interni, non ha appoggiato la decisione, sostenendo che bisognerebbe trovare una soluzione a livello continentale e non soltanto nazionale. Dovrebbe essere quindi l’Europa a doversi preoccupare della situazione migrazione, anziché risolvere pochi casi ad hoc, come in questa contingenza.

L’intera Germania è coinvolta nell’azione benefica di accoglienza migranti dalla Grecia

I bambini bisognosi in tutte le isole greche sono più di quattro mila. La maggior parte di loro ha poco più quattordici anni ma ci sono alcuni di loro che sono anche più piccoli. Altre regioni della Germania si sono mostrate favorevoli al sostentamento dei bambini, anche per evitare il sovraffollamento dell’area. La Bassa Sassonia accoglierà 100 migranti, mentre la Turingia 25. Boris Pistorius, del Partito Socialdemocratico Tedesco, ha visitato Lesbo ad ottobre ed è rimasto particolarmente colpito dalle condizioni di miseria in cui vivevano i cittadini. Molti non avevano una casa e vivevano in tende o rifugiati in sacchi dell’immondizia, ha dichiarato al Tagesspiegel.

Leggi anche: In Germania c’è un problema tra informazione e crimini commessi da migranti

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina: bambini, ©Greyerbaby, CC0 on Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *