Jail

La storia della donna uccisa da un rifugiato a Berlino diventa un caso politico

“I rifugiati criminali non possono rimanere in Germania”.

È la richiesta bipartisan di diversi ministri degli interni regionali tedeschi impegnati in questi giorni a definire una politica comune nella gestione delle richieste d’asilo in Germania.

La richiesta

“Quando un rifugiato viene condannato, il governo federale deve impegnarsi a verificare che le ragioni della richiesta d’asilo siano ancora valide e, in caso contrario, organizzare la sua deportazione immediata” ha dichiarato il socialdemocratico Boris Pistorius, Ministro degli interni della Bassa Sassonia. “Il rimpatrio è l’unico modo per mantenere efficiente il sistema di accettazioni delle richieste d’asilo in Germania” conferma Markus Ubig, Presidente della conferenza dei Ministri degli interni.

[adrotate banner=”34″]

Il caso

Il tema è balzato sulle prime pagine dei maggiori quotidiani tedeschi dopo che le indagini sull’omicidio di una donna il 5 settembre scorso hanno indicato come assassino il fuggitivo Ilyas S., diciottenne rifugiato ceceno già condannato in passato per aggressioni e mai rimpatriato perché minorenne all’epoca del fatto.

[adrotate banner=”21″]

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *