cc0 Pixabay SofiLayla / 952 Flixbus

Germania, passeggero su Flixbus aggredisce conducente, viene arrestato e muore poco dopo

Tragico epilogo per un’aggressione sulla tratta tra Gera ed Essen della line Flixbus

Mercoledì sera intorno alle 19.30 un uomo di trentasette anni sul bus Flixbus partito da Gera, in Turingia, e diretto ad Essen ha aggredito verbalmente il conducente con insulti e forti botte alla struttura interna del bus. La “ribellione” è stata tale che l’autista ha avvertito le forze dell’ordine, è uscito il prima possibile dall’autostrada 52 e ha consegnato il passeggero alla polizia. Poco dopo essere stato preso in custodia l’uomo si è però accasciato al suolo privo di sensi. A nulla sono valsi i tentativi di rianimazione delle forze dell’ordine. A dichiararne il decesso è stato un portavoce della polizia di Bochum.  L’autopsia, come riporta il Rheinische Post, ha rivelato che l’uomo è morto per avvelenamento da sostanze stupefacenti al momento sconosciute.

[adrotate banner=”37”]

La storia di FlixBus

Flixbus è stata fondata a Monaco di Baviera nel 2011. La sua prima tratta è avvenuta solo due anni dopo, nel 2013, all’interno della Germania. Nel 2014 la società operava già su tutto il territorio nazionale. All’estero suo modello di business si basa prevalentemente sulla collaborazione con partner già presenti sul territorio, una strategia che consente di mantenere basse le tariffe. FlixBus si occupa di pianificare le linee, di gestire il marketing, i prezzi e la qualità del servizio, mentre i partner sono responsabili dell’esecuzione delle rotte. Oggigiorno la società tedesca opera in tutta Europa con circa 100.000 collegamenti giornalieri verso 900 destinazioni in 20 Paesi. In Italia FlixBus è attiva dal 2015 e in un anno e mezzo è stata utilizzata da circa 3 milioni di viaggiatori.

[adrotate banner=“34”]

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”37”]

Photo: © SofiLayla  CC 0 /Pixabay 




0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *