©Couleur, CC0, Porta di Brandeburgo.

Spiegel: “Basta cliché: la Germania non è perfetta e da 30 anni i bilanci dell’Italia sono ottimi. L’UE però può schiacciarla”

Il settimanale tedesco Der Spiegel firma un eccezionale editoriale a favore dell’Italia e contro i cliché tedeschi sulla nostra economia

È un lungo, ed eccezionale documento a favore dell’Italia, l’articolo dal titolo: “La fatale distorsione tedesca dell’Italia” pubblicato ieri dallo Spiegel, il maggiore settimanale tedesco. La rivista, che è di stampo liberal-progressista, e che se anche nel passato ha più volte offeso l’Italia con copertine oltremodo provocatorie, dall’inizio della pandemia ha scelto di schierarsi affianco al nostro Paese. Lo ha fatto ad inizio aprile  fa con un pezzo dal titolo “Il rifiuto tedesco degli Eurobond è vigliacco” , lo ha ribadito, per l’appunto, ieri con un editoriale in cui si analizzano dati e studi sociologici per arrivare a tracciare previsioni di un futuro che se qualcosa non cambia significherà la fine, o quasi, dell’Unione Europea. Ecco i passaggi fondamentali dell’articolo a firma di Thomas Fricke.

“La fatale distorsione tedesca dell’Italia”, il prologo

4 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] prima volta ad Hannover il 4 gennaio 1947 – di stampo liberal-progressista (come definita da Berlino Magazine) che, negli anni, non si è mai risparmiata a critiche e satira al nostro paese. Questa volta, […]

  2. […] Spiegel: “Basta cliché: la Germania non è perfetta e da 30 anni i bilanci dell’Italia … […]

  3. […] Questo pare essere una vera bomba: Spiegel: “Basta cliché: la Germania non è perfetta e da 30 anni i bilanci dell’Italia … […]

  4. […] Inoltre vi consiglio una lettura anche a Europa addio! Un italiano su due è per uscire dall’Unione Europea e Spiegel: “Basta cliché: la Germania non è perfetta e da 30 anni i bilanci dell’Italia sono ott… […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *