Tesla https://www.flickr.com/photos/kenjonbro/7125068965 Copyright: Flickr CC BY-NC-SA 2.0

Impianto a Berlino, Tesla e burocrazia tedesca: è scontro

Rallentamenti nella costruzione del nuovo stabile Tesla. L’azienda americana critica la burocrazia tedesca

Il famoso produttore di veicoli elettrici statunitense ha rilasciato una dichiarazione in cui critica fortemente la Germania per i lunghi processi amministrativi e i ritardi che interessano la costruzione della sua gigantesca fabbrica nella periferia di Berlino. L’azienda ha accusato la burocrazia tedesca di avere normative troppo rigide e inflessibili, che rischiano di ritardare l’apertura dello stabile. «Tesla ha sperimentato in prima persona come gli ostacoli nelle procedure di autorizzazione tedesche rallentano la trasformazione industriale». É quanto scrive la casa automobilistica in una lettera di reclamo al Tribunale Amministrativo di Berlino. Inoltre, nella dichiarazione, Tesla asserisce che qualsiasi ritardo nell’apertura dell’impianto ostacolerebbe anche gli obiettivi stabiliti dalla Germania nell’Accordo sul clima di Parigi. «Problema più evidente  è che nelle attuali procedure e leggi, i progetti che combattono il cambiamento climatico e quelli che lo accelerano sono trattati allo stesso modo. Se questi ostacoli non vengono affrontati rapidamente, c’è un alto rischio che la Germania manchi i suoi obiettivi climatici», ha aggiunto la società, sostenendo la causa legale di Environmental Action Germany (DUH) contro il Governo.

Tesla a favore dell’ambiente

L’obiettivo di Tesla è di produrre 500.000 veicoli elettrici all’anno nella sua prima fabbrica europea, che dovrebbe essere operativa a partire da luglio di quest’anno. Il sito però, ha ancora solo permessi di costruzione provvisori, ed è in attesa dell’approvazione finale. L’autorizzazione è stata infatti ripetutamente ritardata da una serie di reclami presentati contro la società da gruppi ambientalisti, relativi a questioni come l’ approvvigionamento idrico e il trasferimento della fauna selvatica. Di contro, la compagnia statunitense ha insistito sul fatto che Tesla Gigafactory Berlin-Brandenburg dovrebbe essere visto come un progetto che aiuta a combattere il cambiamento climatico. Tesla ha anche sostenuto l’azione legale di DUH contro il Governo tedesco, che mira a imporre misure più severe per raggiungere i suoi obiettivi climatici.

 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Tesla  Copyright: Flickr CC BY-NC-SA 2.0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *