Uno studio attuale mostra quanto gli Italiani sappiano poco e male della cultura tedesca e viceversa

Uno studio su Germania-Italia appena pubblicato rivela che gli italiani sanno poco dei tedeschi e viceversa.

La Friedrich-Ebert-Stiftung, in collaborazione con Ipsos, ha recentemente pubblicato uno studio sui rapporti italo-tedeschi. Lo studio ha raccolto le interviste di 1650 persone residenti in entrambi Paesi. L’obbiettivo finale è quello di creare un’analisi dei rapporti italo-tedeschi che si estenda oltre una prospettiva meramente descrittiva e ne esamini nel dettaglio le dinamiche più profonde, senza ricadere nella generalità. Dalla ricerca è emerso che nel complesso – al di là di un vasto consenso di fondo comune ad entrambi – italiani e tedeschi abbiano una percezione assai differente dei rispettivi Paesi, del loro posizionamento all’interno dell’Unione e dei loro rapporti bilaterali. Questo studio ha messo alla prova la longeva amicizia tra Italia e Germania. I risultati del sondaggio sono infatti subito apparsi sorprendenti. Italia e Germania non solo condividono rapporti commerciali duraturi ma ricoprono entrambi un ruolo determinante nell’UE, in quanto paesi fondatori. I due Paesi, d’altronde, condividono un’evoluzione storica molto simile. La loro peculiarità è infatti riscontrabile dalla frammentazione in piccoli Stati e da una tardiva unificazione. Nel tempo i due Paesi hanno poi mantenuto relazioni politiche, culturali ed economiche per decenni. Ancora oggi la Germania è il primo partner commerciale per l’Italia.

Lo studio: Italia e Germania si “riscoprono” a vicenda

In questo studio si è quindi voluta analizzare la natura del rapporto tra Germania e Italia. Le domande poste agli intervistati riguardavano principalmente figure di spicco o le relazioni tra i due Paesi. Riportiamo di seguito alcuni esempi:
“Quali sono la qualità e le intensità delle relazioni tra Germania e Italia?”; “Quanto bene ci conosciamo e che immagine e percezione abbiamo l’uno dell’altro?” “Quali sono le aspettative dei tedeschi e degli italiani nei confronti dell’altro Paese?” a ” Qual’è il ruolo dell’Europa?”. Le risposte hanno mostrato come le percezioni di italiani e tedeschi su queste tematiche si differezino. Nonostante entrambi si auspichino una fruttuosa collaborazione all’interno dell’Unione Europea, la Germania appare decisamente più ottimista e dimostra una maggiore autostima rispetto all’Italia, la quale attua un’autocritica sul rapporto compresso con l’Europa.

Le analisi dei risultati dello studio

Il giudizio di italiani e tedeschi sulla situazione attualmente presente nei due Paesi coincide ampiamente: la maggior parte degli intervistati valuta positivamente la situazione tedesca e molto negativamente quella italiana. I giudizi sulle prospettive future, invece, divergono parzialmente. Sia gli italiani sia i tedeschi intervistati ritengono che la situazione in Italia rimarrà negativa anche in futuro. Per la Germania, invece, gli italiani si aspettano un futuro brillante più di quanto facciano i tedeschi stessi. Il quadro riassuntivo del sondaggio appare asimmetrico. Gli intervistati di entrambi i Paesi ritengono che l’Italia abbia serie difficoltà in ambito economico, mentre la Germania è ritenuto una Paese virtuoso e viene spesso sopravvalutato dagli stessi italiani. La maggioranza degli italiani nutre fiducia nei confronti della Germania, mentre la fiducia nell’Italia è meno riscontrata anche tra gli Italiani stessi. Lo studio ha infine dimostrato come gran parte dei giudizi espressi siano in realtà influenzati da stereotipi. I tedeschi vedono gli italiani come un popolo di ottimisti, goderecci e rilassati ma anche profondamente religiosi e tradizionalisti. Al tempo stesso gli Italiani vedono i tedeschi come persone profonde, rispettose delle regole, poco flessibili e serie.

Conclusioni

In conclusione i dati dello studio rilevano che i rapporti italo-tedeschi non sono privi nè di conflitti nè di contraddizioni, ma sono anzi contraddistitnti da una percezione asimmetrica tra i due Paesi. Gli intervistati vedono la Germania come un luogo efficente ed organizzato e con un’economia forte. In altre parole una “terra del lavoro”. L’Italia, invece, è vista come la terra del buon clima, del buon cibo, delle belle città e dei bei paesaggi, in pratica la terra del piacere. Nonostante la stima e il rispetto reciproci nutriti da entrambi i popoli, i tedeschi e gli italiani intervistati considerano in modo diverso la natura dei loro rapporti. Gli italiani definiscono quello con la Germania come un rapporto tra partner, ma erroneamente si sentono il partner meno influente. I tedeschi, al contrario, considerano piuttosto amichevoli i rapporti con l’Italia, ma sono inclini ad un certo paternalismo. Lo studio ha infine fatto emergere la necessità di investire maggiormente in una conoscenza approfondita e aumentare rapporti di collaborazione per aumentare una maggiore consapevolezza tra i due Stati.

Immagine di copertina: © CC0 da Pixabay 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *