Ufficiale, Laschet sarà il candidato dell’Union: a settembre probabile nuovo cancelliere tedesco

La Germania si prepara alle urne per la prima volta senza la Merkel sostituita da Laschet per guidare la CDU.

Dopo 16 anni di governo Angela Merkel non si ricandiderà alle prossime elezioni previste per il 26 settembre. Nei giorni scorsi la coalizione CDU-CSU ha scelto l’attuale presidente dell’Unione Cristiano-Democratica Armin Laschet come candidato alla cancelleria. Il premier dello stato più popoloso della Germania è pronto a guidare la coalizione conservatrice nelle prossime elezioni nazionali. Nella tarda notte tra il 19 e il 20 aprile, il leader della CDU ha incassato l’appoggio del comitato esecutivo federale del partito, con 31 voti su 46 favorevoli alla sua candidatura. Termina così la scalata dell’avversario Markus Söder, il carismatico bavarese leader del partito fratello dell’Unione.

L’assenza di Merkel alle prossime elezioni nazionali

La rinuncia alla candidatura per la cancelleria è stata annunciata da Söder, anche se non ben accolta, sicuramente avrà delle conseguenze. Il primo obiettivo di Laschet sarà riorganizzare e riordinare il partito e i sistemi di coalizione con la CSU, indebolito dopo le dimissioni di Angela Merkel nel 2018 e quelle di Annegret Kramp-Karrenbauer nel 2020. Altra sfida sarà controbilanciare i Verdi, in costante crescita nel paese. Secondo i sondaggi di Allensbach il distacco tra il gruppo dei Verdi e la CDU continua a ridursi arrivando a 28% contro il 23%, specialmente dopo la nomina di Annalena Baerbock come candidata.

Chi è Armin Laschet, il braccio destro della Merkel

Ex avvocato e giornalista, Laschet è il presidente della Renania settentrionale-Vestfalia dal 2017 e da gennaio è il presidente del partito CDU, dopo le dimissioni di Annegret Kramp-Karrenbauer. Un curriculum di tutto rispetto, a cui si aggiunge l’essere uno dei cinque vicepresidenti federali della CDU dal 2012. Ex europarlamentare, ed è da sempre considerato un affidabile braccio destro della Merkel, e il suo naturale successore come presidente del partito. Nonostante gli studi in scienze politiche e legge presso le università di Bonn e Monaco, non si è mai appassionato alla politica. Si convince a candidarsi solo dopo il confronto con dei suoi conoscenti.

L’incertezza sul possibile successo di Laschet

Nonostante il rapido successo, è visto come un politico esitante, proprio per non avere una lunga esperienza in politica. Alcuni degli obiettivi raggiunti durante la sua nuova carriera sono apparsi “troppo buoni” per la politica. Sostituire la Merkel e guidare la prima economia europea non sarà facile. Laschet dovrà da subito voltare pagina e offrire più garanzie al popolo tedesco. Secondo DW la sua candidatura è una scommessa: i sondaggi  non solo dei  sostenitori della CDU, ma anche dei tedeschi davano Söder come il candidato più popolare e secondo un recente sondaggio di Forsa, solo il 32% degli elettori che hanno votato CDU o CSU nelle elezioni federali del 2017 ha dichiarato che manterrebbe la propria preferenza se Laschet  fosse il candidato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Armin Laschet (@armin_laschet)

Söder, il populista sconfitto.

Söder è presidente della Baviera e da tre anni leader dell’Unione Cristiano Sociale, era lui il più papabile candidato alla cancelleria nel post Merkel. La lotta serrata nella sua coalizione lo ha visto uscire sconfitto ed amareggiato, soprattutto perché la scelta finale è in contrasto rispetto ai sondaggi. Laureato in legge presso l’università di Norimberga, Söder è sempre stato una persona politicamente attiva. Già all’età di 16 anni faceva parte dell’organizzazione giovanile della CSU. A soli 27 entra a far parte del parlamento bavarese, e nove anni più tardi è segretario generale del suo partito. All’età di 54 anni e dopo diversi anni di alleanza con la Merkel, decide di candidarsi a futuro cancelliere tedesco, incoraggiato anche dalla bassa stima verso Laschet. Definito dal Times  ‘Il jolly che potrebbe emergere dal gruppo per succedere ad Angela Merkel’, continua a essere popolare tra i tedeschi per la sua forte personalità e alle sue buone capacità oratorie.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Foto copertina: Armin Laschet (CDU), Ministerpräsident von Nordrhein-Westfalen, Urheber: Dirk Vorderstraße, Lizenz: CC BY 3.0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *