Per Archpaper il nuovo castello di Berlino, firmato Franco Stella, è in stile “zombie-barocco”

Il rinnovato Castello di Berlino (Humboldt-Forum) ha recentemente “aperto al pubblico”, ma non pare esser stato visto di buon occhio sia dai critici d’architettura che dai berlinesi

“Non è facile che piaccia, anzi…”. È questa una delle prime frasi che la prestigiosa rivista di architettura Archpaper ha dedicato al ricostruito castello di Berlino, l’ambizioso Humboldt-Foum inaugurato lo scorso dicembre 2020. Il giudizio segue sulla falsariga quello di altri addetti al settore nonché della stampa locale. Dallo Spiegel alla Zeit passando per il New York Times è difficile trovare giudizi positivi sul progetto firmato dall’italiano Franco Stella e da sempre oggetto di critiche: in quell’area dal 1976 al 2008 ci fu il Palast der Republik, iconico edificio della DDR a cui tanti berlinesi dell’est erano affezionati. Le critiche delle varie riviste sono però legate soprattutto al progetto in sé: il castello ricalca fedelmente tre delle quattro facciate dell’antica costruzione imperiale, il Berliner Schloss. Non sembra aggiungere niente di nuovo all’area del centro berlinese né serve per rinvigorire quell’immagine barocca-prussiana della capitale ormai persasi dopo un secolo di guerre e ricostruzioni.

Il giudizio di Archpaper sull’Humboldt-Forum

Archpaper è una tra le maggiori pubblicazioni di architettura statunitense. Nell’articolo a firma di Emily Pugh si scrive: “L’Humboldt Forum è una ricostruzione storica o una reinterpretazione moderna di una struttura storica?  Né l’uno né l’altro: troppo simile al palazzo originale per essere considerato una reinterpretazione, ma troppo diverso dalla struttura più antica per essere considerato una ricostruzione. È un esempio lampante delle sfide dei progetti di ricostruzione storica, nonché dei loro limiti.”. Sulla stessa falsariga si colloca la reticenza di molti berlinesi notata anche  dal New York Times che, parlando della facciata moderna contraddistinta da una griglia nitida di cemento grezzo e finestre incassate rincara la dose: “Un pugno negli occhi politicamente irto”. In scia anche le maggiori pubblicazioni tedesche: Die Zeit lo ha paragonato ad un “ufficio assicurativo”, il Der Spiegel invece, oltre a criticare ciò che appare dall’esterno ha anche sottolineato come i suoi interni sembrino “facili da pulire”.

Nonostante, causa pandemia, il Castello non sia visitabile fisicamente, ma solo online, il New York Times ha avuto da ridire anche sulle sale interne, su come siano organizzate e conservate quanto ad areazione. Ma non è tutto: dubbi emergono anche sul valore dell’esposizione in sé:”Non si è fatto abbastanza per sondare la provenienza di alcuni dei suoi reperti”.

Humboldt-Forum, l’inaugurazione del 17 dicembre 2020

Doveva essere completato un anno prima, ma ritardi e, infine anche la pandemia, hanno ritardato il tutto fino al 17 dicembre scorso quando, con una cerimonia in streaming, finalmente il progetto è stato ufficialmente inaugurato. Monika Grütters ministro della Cultura tedesco,  ha affermato come l’apertura digitale non è stata abbastanza: “Meritava una festa, con un pubblico e un programma festivo “. Nei piani dei suoi sostenitori, e in attesa che tutta la collezione sia esposta, l’Humboldt-Forum si propone di diventare il più grande centro culturale a livello europeo con 30.000 mq di reperti artistici e storici, nonché luogo di spettacoli. La Zeit si è espressa con queste parole riguardo alla sua inaugurazione: “Il castello è aperto, ma giace abbandonato, come sfondo di un festival senza festival.” Il dissenso per questa inaugurazione infine, non proviene unicamente dal piccolo pubblico, ma anche da personalità di spicco, come. Insomma finora questa nuova costruzione pare essere solo motivo di imbarazzo per i tedeschi.

Il progetto di Franco Stella

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Berlino Magazine (@berlinomagazine)

Il progetto, ideato nel 2008, è stato vinto dall’italiano Franco Stella e dal suo collaboratore Michelangelo Zucchini. Il nuovo Castello racchiude al proprio interno tutte le culture del mondo, con un occhio di riguardo a quelle extraeuropee. L’intento, realizzato attraverso l’architettura esterna ed interna, è quello di unire in maniera fluida l’antico con il moderno in un mix di forme completamente nuovo. Infatti diversamente da gran parte degli edifici costruiti sin ora, è difficile trovare antico e nuovo in un’unica facciata. La decisione di ricostruzione ‘fedele all’originale’ delle facciate del palazzo barocco non è attribuibile al vincitore del progetto, bensì è stata decisa dal Parlamento tedesco nel 2002. Il progetto prevede cinque nuovi corpi di fabbrica: uno all’esterno, nell’area delle fabbriche tardo gotiche e rinascimentali  del Castello, gli altri quattro nell’area dell’antica corte  maggiore, l’Eosanderhof.

La collezione dell’Humboldt-Forum

La meta finale di questa costruzione è quella di diventare un centro unico per l’arte, cultura e scienza. Con un focus indirizzato ad un dialogo tra le diverse culture rappresentate all’interno, cin particolar modo legato a temi storici e di rilevanza mondiale. In previsione dell’estate 2021 saranno presentate diverse collezioni in una superficie complessiva di 42000 mq dove all’incirca la metà è destinata alle collezioni del Museo Etnologico e del Museo dell’Arte Asiatica, mentre 10000 mq sono dedicati agli spazi d’interesse pubblico generale. In collaborazione con le loro collezioni “gemelle” presenti all’interno dell’isola dei Musei,  offriranno una veduta d’arte e cultura del mondo che abbraccia diverse epoche e continenti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Humboldt Forum (@humboldtforum)

  Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Foto di copertina: Unsplash© CCO 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *