La rivincita delle Trabi, quasi 40mila immatricolazioni in Germania negli ultimi 10 anni

Una macchina che ha fatto la storia, regalato sorrisi e speranza. La Trabi rimane nella carreggiata dei cuori tedeschi

Una macchina, una storia. Era il 7 novembre del 1957 quando la Trabant faceva la sua prima comparsa. La Germania dell’Est era in crisi, la popolazione non poteva permettersi un bene di lusso come le auto. Qui è entrata in gioco per la prima volta la Trabi. Un auto che consuma poco meno di 5,5 litri di carburante per percorrere 100 km, che pesa meno di 600 kg. Il costo? massimo 4000 marchi. L’auto, fatta per la maggior parte di componenti di un materiale plastico chiamato Duroplast, nell’89’ raggiunse il suo picco di popolarità, divenendo simbolo della caduta del Muro di Berlino. Oggi, più di 60 anni dopo la sua creazione, quest’auto rimane un oggetto cult indiscusso per il popolo tedesco. Negli ultimi 10 anni sono state registrate 38.173 Trabants, numero che supera persino quello delle tanto amate e tecnologiche Tesla di Elon Musk.

 

Parliamo di numeri

Lo stile retrò di altri tempi, che richiama gli anni 50′, la carrozzeria in plastica colorata, il motore a due tempi, il rombo assordante e la scia di fumo bianco che esce dal tubo di scarico quando l’auto sfreccia a velocità massima (100 km/h raggiungibili a stento). Queste sono le caratteristiche che hanno reso la Trabant unica nel suo genere. Una macchina con molti difetti, questo è vero, ma che con la sua personalità sgargiante ed esplosiva ha conquistato il cuore di molti, anche dei più giovani. Secondo alcune statistiche della Kraftfahrt-Bundesamt in Germania sarebbero state registrate 38.173 Trabant negli ultimi dieci anni. Il numero di Trabi in uso sarebbe aumentato di 3000 unità in questo decennio.  Per quanto riguarda le auto più utilizzate nello scorso anno, invece, prime in classifica i veicoli Volkswagen con i suoi tre modelli Golf, Tiguan e Polo. Il totale di macchine registrate in Germania nel 2020 ammonta  a 47.716, dato in aumento rispetto al 2019.

Infographic: The Iconic Trabant Turns 60 | Statista You will find more infographics at Statista, foto di Statista

Nel grafico sopra, in giallo, il numero di Trabants prodotte dal 1957 al 1991, anno in cui è stata arrestata la produzione dell’auto ( 3,7 milioni). In rosso il numero di auto che risultavano registrate nel 2017 (34000).

Una macchina che ha fatto la storia

La Trabant, tradotto letteralmente “compagno di viaggio”, nasce nel lontano ’57. A quei tempi la Germania dell’Est stava ancora attraversando lo strascico che la guerra aveva portato con sé. I sovietici imponevano le loro condizioni sul popolo tedesco dell’Est, regole che avevano contribuito all’impoverimento della popolazione. L’automobile veniva considerata un bene di lusso, inaccessibile per molti. Questo fino alla nascita della Trabant. Fu la VEB Sachsenring Automobilwerk Zwickau ad occuparsi della produzione dell’auto. La casa automobilistica tedesca brevettò appositamente per questo scopo il Duroplast, materiale plastico più economico e leggero dell’alluminio, composto molto simile alla vetroresina. Con la caduta del muro di Berlino, nell’89, questa macchina si carica sempre più di significato. La parata di Trabi che sfreccia ai lati del muro nel giorno della sua caduta, è forse una delle immagini più significative ed iconiche di questo periodo. L’89 coincide anche con il periodo di maggior splendore per le Trabi che nel corso degli anni vedranno sfumare via la propria popolarità ed i propri profitti a causa della concorrenza dovuta alla riunificazione della Germania. La VEB Sachsenring Automobilwerk Zwickau smetterà di produrre le macchine nel 1991. Ma il mito della Trabant rimarrà per sempre impresso nelle menti dei tedeschi. I musei dedicati a queste auto, i graffiti, i raduni di Trabi in tutto il mondo. Un’auto eternamente legata allo spirito di libertà e speranza tedesco. Lo stesso spirito che, ancora oggi, riunisce i cuori dei tedeschi e fan internazionali che celebrano e continuano a portare avanti il nome di questa macchina, divenuta ormai leggenda.

Trabant, ©https://pixabay.com/it/photos/graffiti-muro-di-berlino-wall-trabi-745071/

Trabant, © Foto di Caro Sodar da Pixabay, CC0

 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

immagine di copertina: Trabant,Foto di Tim Hauswirth,  da Pixabay, CC0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *