Germania, fondo di 8.6 milioni di € per gli studenti stranieri perseguitati

Il Ministero degli esteri tedesco insieme al Servizio di Scambio Accademico ha istituto il programma Hilde Domin. Verrà stanziato un fondo di 8.6 milioni di euro, per quegli studenti o dottorandi che nel Mondo subiscono persecuzioni e non posso andare all’università.

Il Ministero degli esteri ha istituito un programma di borse di studio chiamato Hilde Domin Program, lo scopo è alleviare gli oneri degli studenti, vittime di persecuzioni nel loro paese d’origine. Significativo è anche il nome scelto per il nuovo programma. Hilde Domin è stata una poetessa e scrittrice tedesca che a causa delle leggi nazionalsocialiste non poté dall’Italia rientrare in patria per studiare, perché di origini ebraiche.

Il nuovo programma di borse di studio è destinato agli studenti e ricercatori che vogliono studiare in Germania, in sicurezza. Il Ministero degli esteri tedesco stanzierà una somma complessiva di 8.6 milioni entro il 2027. Fino a 50 i nuovi titolari che ogni anno riceveranno finanziamenti finché non completeranno il corso di studio o il progetto di dottorato in Germania. I potenziali candidati non possono presentare domanda di partecipazione direttamente, ma sono nominati dalla direzione di un’Istituzione. La selezione finale dei candidati sarà effettuata da comitati di selezione indipendenti nominati dal DAAD Deutscher Akademischer Austauschdienst.

Il programma Hilde Domin

Il programma Hilde Domin nasce con un preciso scopo. Quello di garantire a studenti e dottorandi uno dei diritti fondamentali: l’accesso all’istruzione e alla ricerca, e sostenerli nel raggiungimento di tale diritto. Il progetto si rivolge specialmente a coloro che sono a rischio formalmente o di fatto nel proprio Paese d’origine. Gli studenti nominati come beneficiari del programma saranno iscritti regolarmente al corso di laurea scelto. Percepiranno una borsa di studio pari a coprire le spese necessarie per il soggiorno in Germania durante la frequentazione del corso di laurea o di ricerca. Tra gli obiettivi a lungo termine del programma vi è quello di consentire il compimento di un completo ciclo di ricerca o di laurea in un ambiente protetto e stimolante. Il programma è finalizzato a promuovere lo sviluppo e il progresso politico, economico, civile e sociale nei Paesi d’origine dei beneficiari una volta conclusi gli studi. Il primo Paese a poter beneficiare del programma Hilde Domin è la Bielorussia dove negli ultimi anni si sono intensificati gli atti violenti e le persecuzioni attuate da parte del Governo contro studenti e ricercatori che si battono per i propri diritti. La Bielorussa infatti è già stata fortemente criticata per le violenti proteste e le violazioni delle libertà fondamentali. Già nel novembre 2020 l’Associazione Universitaria Europea (EUA) e l’Unione Europea degli Studenti (ESA) hanno esortato le autorità a sospendere le persecuzioni.

Il discorso del Ministro federale degli affari esteri Heiko Maas in occasione del lancio di Hilde Dolmin

Illuminante e appassionante è stato il discorso del Ministro Heiko Maas in occasione del lancio del programma Hilde Domin. Al centro del discorso il Ministro ha ribadito il primato della libertà accademica, libertà oggi giorno ancora minacciata. Il Ministero degli esteri ha fatto una chiara scelta politica e culturale: quella di rafforzare le libertà di conoscenza e di idee in tutto il mondo. Con lo scopo di creare spazi accademici liberi e sicuri che promuovano il pieno sviluppo umano. Il principio guida del programma è incarnato dalla frase della poetessa Hilde Domin “Non abbandonare mai se stessi o gli altri. Questa è la più piccola utopia, senza la quale non vale la pena essere umani”. Proteggere coloro che si battono con la propria vita per la libera circolazione delle idee difendendo a qualsiasi prezzo la democrazia, diviene un vantaggio per tutti. Tramite la fondazione del programma Hilde Domin il Ministero degli affari esteri ribadisce con veemenza che la libertà accademica è un fondamento non negoziabile per le democrazie.

 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Libri Università ©Pexels da Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *