Alarm ©Thomas Breher via Pixabay https://pixabay.com/photos/alarm-light-siren-emergency-959592/ CC0

Berlino testa le sirene per avvisare i cittadini di eventuali catastrofi

Dopo le devastanti alluvioni nella Germania occidentale, Berlino sta valutando se reintrodurre le sirene per segnalare eventuali catastrofi

Settimana scorsa l’Europa è stata sconvolta da disastrose alluvioni. Finora, solo in Germania – il Paese più colpito – si contano 170 vittime. Il turbamento che ne è conseguito ha favorito l’apertura di un dibattito sul buon funzionamento dei sistemi di allarme e su una loro eventuale necessità in tutto il Paese. È in particolare la città di Berlino a prenderne in considerazione la reintroduzione. La capitale aveva già utilizzato sirene di allarme durante la Guerra Fredda.

“Interruzioni nella catena di allarme”

Secondo alcuni, durante le alluvioni di settimana scorsa – che hanno colpito Germania occidentale, Belgio e Olanda – qualcosa non è andato come previsto nell’erogazione dei sistemi di allarme. In Germania, sebbene i servizi meteorologici avessero previsto piogge torrenziali e inondazioni improvvise, molti residenti hanno detto di essere stati colti alla sprovvista. “Non dovremmo piangere così tante vittime nel 2021”, ha detto Hannah Cloke, professore di idrologia all’Università di Reading, all’emittente tedesca ZDF. Ci sono state “interruzioni nella catena di allarme” da qualche parte lungo la strada, ha aggiunto. Il giornale Bild ha condannato il “fallimento” di un’azione tempestiva negli Stati della Renania-Palatinato e del Nordreno-Vestfalia, i più colpiti dall’alluvione. “Le sirene sono rimaste silenziose in molti luoghi, pochissimi allarmi sono stati emessi”, ha scritto.

Berlino ci pensa

Alla luce di ciò, la città di Berlino ha iniziato a valutare la reintroduzione delle sirene per segnalare l’allarme in caso di eventuali catastrofi. L’amministrazione interna avanzerà una proposta simile al Senato, ha comunicato il suo portavoce Martin Pallgen mercoledì. Nel quadro di un accordo amministrativo con il governo federale, si deve capire se e in quali luoghi gli avvisi sonori ad alto volume avrebbero nuovamente senso. I primi risultati dovrebbero essere disponibili entro la fine dell’anno.

Se approvate, le sirene si aggiungerebbero agli strumenti di avvertimento già in uso a Berlino. Questi includono app come NINA e KATWARN, cartelloni elettronici, display BVG, informazioni alla radio e annunci all’altoparlante della polizia e dei vigili del fuoco. Al momento, ha detto Pallgen, non ci sono scenari fuori dalla portata della protezione civile a Berlino per i quali sono necessarie allerte tramite sirene. Tuttavia, queste potrebbero essere un supplemento, per esempio, in caso di mancanza o non funzionamento di smartphone o in caso di impossibilità per le forze di emergenza di raggiungere il luogo di aiuto.

Come ha detto Pallgen, questo non è ancora il caso di Berlino, ma le alluvioni della settimana scorsa hanno lasciato senza parole tutti, dando prova della gravità e imprevedibilità dei cambiamenti climatici.

Leggi anche: Disastro alluvione in Germania, per Merkel è necessario cambiare politica climatica

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Alarm by Thomas Breher via Pixabay CC0

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *