ITDP

Berlino non aveva così pochi turisti dal 2001

Il turismo nella capitale tedesca è nettamente diminuito, percentuali così basse non si registravano dal 2001. Uno dei tanti aspetti negativi dovuti alla crisi da Coronavirus

Il Coronavirus ci ha tolto tanto: niente più concerti, cene con gli amici, lunghe passeggiate in piazza, baci e abbracci, viaggi e non solo. Insomma chi più ne ha più ne metta. Abbiamo passato un anno che  indubbiamente verrà  ricordato come uno dei più duri della nostra storia recente. Numerosi settori sono stati completamente piegati dall’attuale emergenza sanitaria. I sopraffollamenti negli ospedali a causa dei continui ricoveri, la chiusura forzata di scuole, bar, ristoranti e qualunque attività considerata secondaria, ha totalmente messo in ginocchio settori essenziali dell’economia, e anche il turismo ne risentito gravemente. A Berlino, ad esempio, non si registravano visite così basse dal 2001 e questi dati preoccupano, in quanto non c’è una data precisa che possa indicarci quando potremo tornare a vivere come prima e soprattutto a viaggiare come prima.

I dati parlano chiaro

L’ufficio di statistica di Berlino-Brandeburgo afferma che nel 2019, ultimo anno prima dell’arrivo della pandemia, si contavano più di 14 milioni di turisti nella città di Berlino mentre nel 2020 il numero di visitatori è sceso notevolmente: sono stati solamente 4,95 milioni, come nel 2001. La presenza di turisti è dunque diminuita di quasi il 65%. Per una metropoli come Berlino sono dati drammatici. Critica la situazione anche per pernottamenti. Dal 2019 il numero dei pernottamenti è sceso da 35 milioni a 12,3 nel primo anno della pandemia. In più, circa tre quarti dei turisti provenivano da altre zone della Germania.

Persino il Checkpoint Charlie è vuoto

Persino importanti monumenti e attrazioni storiche, come il Checkpoint Charlie, dove era solito fare la fila anche solo per scattare una foto ricordo ora sono vuote. Il Coronavirus ha cancellato anche eventi importanti a fini turistici come fiere e congressi, azzerando completamente il fatturato dell’industria turistica e culturale della città. Anche se per il momento non è possibile tornare alla normalità, il Senato tedesco sta comunque ricominciando a mettere in piedi piani da attuare prossimamente.

 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter
XMA Header Image
Corsi di tedesco a Berlino: intensivi, serali e private o su Zoom: il calendario di Berlino Schule – BerlinoSchule
berlinoschule.com

Immagine di copertina: Copyright Daniel Frese via Pexels CC Public domain 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *