Il “Long-Covid” colpisce soprattutto gli under 60

Il “Long-Covid”, termine che indica la condizione dei pazienti che continuano ad avere sintomi dopo aver contratto il virus

“Long-Covid” è il termine inglese che spiega gli effetti duraturi del Covid-19. Long-Covid non è una diagnosi, ma solo un termine per indicare i sintomi che persistono fino a quattro settimane dopo nei pazienti che hanno contratto la malattia. È un numero relativamente alto. Non c’è un quadro clinico uniforme, ma diversi sono i motivi per cui si hanno ancora sintomi per così tanto tempo dopo il Covid. Le ricerche sulla sindrome del Long-Covid mostrano che alcuni sintomi che caratterizzano la malattia continuano a essere presenti anche dopo la guarigione. Infatti, sembra che nessuna categoria venga risparmiata: segnali di stanchezza e affanno sono stati registrati anche tra persone giovani e under 60. Tra chi ha avuto solo sintomi lievi sono stati segnalati problemi che si sono protratti nel tempo, come quello di stanchezza, mal di testa e problemi di concentrazione.

L’intervento a cura della dottoressa Carmen Scheibenbogen

Carmen Scheibenbogen, dirigente del Fatigue Centrum al Charité di Berlino, in un’intervista al Tagesspiegel, spiega i sintomi a lungo termine che il virus può portare negli under 60. Molti non notano nulla o hanno solo un leggero raffreddore. Il paziente più giovane della dottoressa Scheibenbogen ha 23 anni, quindi non si può escludere la possibilità che il Long Covid colpisca anche fasce d’età inferiori. Sono soprattutto le persone sotto i 60 anni che presentano gli effetti a lungo termine, non le più anziane. La dottoressa spiega poi che un numero sostanzioso di pazienti colpiti dal Covid-19 soffrono tuttora di effetti tardivi che possono persistere nel tempo. I più comuni, come già detto, sono stanchezza, problemi di concentrazione e mal di testa, ma ce ne sono anche di più rari come disturbi del gusto e dell’olfatto, perdita di capelli e cambiamenti della pelle.

I consigli per i pazienti che non migliorano dopo aver contratto Covid

Carmen Scheibenbogen spiega che se i pazienti non sono guariti dopo quattro settimane, il consiglio è quello di andare dal proprio medico di famiglia ed effettuare una visita pneumologica. È importante anche fare un esame del sangue per controllare eventuali carenze o infiammazioni. Infine, è necessario andare in un ambulatorio specializzato se dopo tre mesi non c’è traccia di alcun miglioramento.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter
XMA Header Image
Corsi di tedesco a Berlino: intensivi, serali e private o su Zoom: il calendario di Berlino Schule – BerlinoSchule
berlinoschule.com

Immagine di copertina: Pixabey

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *