Berlino, il piano dei ristoranti del centro per riaprire

Presto nel quartiere Mitte di Berlino sarà nuovamente possibile mangiare nei ristoranti

Il quartiere berlinese di Mitte sta progettando un modello per permettere alle persone di andare al ristorante nonostante la pandemia. L’obiettivo è quello di rendere possibile mangiare sia all’esterno che all’interno dei locali. I prerequisiti per questo ritorno alla normalità saranno mostrare un test negativo e scaricare tre app sul proprio smartphone. Il sindaco del distretto Stephan von Dassel sostiene l’iniziativa: “È uno strumento per tornare a una vita normale”. Col progetto pilota si mira a capire come garantire una riapertura sicura, senza aumentare in modo significativo il rischio di infezione.

Quali saranno i passaggi da seguire?

I clienti dovranno prenotare il tavolo al ristorante, qualche giorno in anticipo, tramite un’app. Dovranno poi avere altre due applicazioni: Luca-App, usata per il monitoraggio dei contatti, e un’app di diagnosi, dove verrà inserito il risultato del test Covid-19. Quattro ore prima di recarsi al ristorante, i clienti dovranno infatti eseguire un test per dimostrare di essere negativi al virus. L’applicazione di diagnosi genererà in automatico un codice QR valido per diverse ore, che dovrà essere mostrato all’entrata del ristorante. Secondo Stephan von Dassel, questa app dovrebbe essere utilizzata come una sorta di pass giornaliero dopo il test negativo. Jörg Nolte, amministratore delegato di Economia e Politica presso la Camera di Industria e Commercio, crede fermamente che il progetto pilota possa fornire prospettive concrete per la ripartenza del settore della ristorazione.

Il progetto modello di Tubinga

Dal 16 marzo a Tubinga si può di nuovo andare nei ristoranti e fare acquisti nei negozi. Chiunque abbia un test negativo ottiene un pass giornaliero, che gli permette di andare in giro per la città a mangiare e a fare shopping. Il progetto “Öffnen mit Sicherheit“, realizzato col supporto scientifico dell’Università di Tubinga, durerà tre settimane. Tutta la Germania è in attesa di vedere quali saranno i suoi effetti. In ogni caso, il piano ha riportato in vita la città, che conta 90.000 abitanti. Il sindaco di Tubinga, Boris Palmer, è molto soddisfatto dei risultati ottenuti finora. Fatta eccezione per le mascherine, sembra quasi di essere tornati a prima della pandemia. Il progetto modello attira anche molti turisti che vogliono rivivere un poco di normalità.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Foto:©Pixabay / CC0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *