Berlino, ventenne uccide diciannovenne in un parco

Diciannovenne accoltellato e ucciso da un coetaneo in un parco di Zehlendorf; l’assassino è stato arrestato

La lite tra i due giovani era cominciata la notte del 17 maggio al Loebelpark, sulla Idsteiner Strasse all’angolo di Seibtweg, in una tranquilla zona residenziale. Il più giovane, appena diciannovenne, è rimasto gravemente ferito, mentre l’aggressore è fuggito dalla scena del crimine, senza lasciare tracce. Alcuni testimoni hanno prontamente chiamati i soccorritori, ma per il giovane ragazzo era ormai troppo tardi e le ferite da taglio gli sono state fatali. E’ morto mentre un medico cercava di rianimarlo.

Le indagini

La polizia ha subito transennato la scena del crimine, mentre una squadra della omicidi ha iniziato le indagini sul luogo. Gli agenti hanno utilizzato un drone per fotografare il parco dall’alto, nella ricerca dell’arma del delitto. La zona è stata inoltre pattugliata metro per metro con l’aiuto di due cani poliziotti. Un residente locale ha raccontato di aver notato tre adolescenti entrare nel parco intorno alle 3:00 del mattino, ma di averne visti solo due fuggir via poco dopo. Grazie a questa testimonianza è stato quindi possibile individuare il potenziale assassino.

L’arresto dell’assassino

Stando alle ultime notizie sul caso, un sospettato di appena vent’anni è stato recentemente arrestato. Il giovane pare essersi presentato in una sezione della polizia, accompagnato da un avvocato. Lunedì scorso è stato emesso un mandato di arresto ed il ragazzo si trova ora in custodia per omicidio colposo. “Il sospettato noto alla polizia è un criminale multiplo attivo già da tempo nella zona di Zehlendorf”, ha affermato Mona Lorenz, portavoce dell’ufficio del pubblico ministero di Berlino.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *