Violenza sulle donne https://www.flickr.com/photos/european_parliament/4403827916 Copyright: Flickr CC BY-NC-ND 2.0

14 anni al violentatore seriale che ha seminato il panico a Berlino la scorsa estate

Il violentatore seriale di Berlino condannato a 14 anni per stupro e aggressioni. La scorsa estate aveva tentato di stuprare 7 donne

La scorsa estate Sinisa K, elettricista serbo, ha generato tensioni e sparso paura per quasi un mese lungo le strade di Berlino e Bernau bei Berlin. Sembra che l’uomo abbia attaccato e tentato di stuprare una decina di donne, tutte molto giovani. Secondo quanto riportato dalla polizia i suoi attacchi non erano affatto casuali, ma mirati e studiati. La serie di crimini sarebbe cominciata lo scorso giugno, a seguito della decisione della sua ragazza incinta di tornare in Serbia. Tuttavia, Sinisa K. non è nuovo a queste azioni. Nel 2011, infatti, quando ancora era in patria, aveva scontato 5 anni di carcere per motivi simili. Finalmente giustizia è stata fatta, a sette mesi dagli avvenimenti il 30enne è stato processato e dovrà scontare 14 anni di carcere per stupro aggravato e lesioni personali. Le accuse a suo carico sono: 6 stupri, un’aggressione e una tentata violenza. Per ragioni di sicurezza, in quanto rappresenta un pericolo per la pubblica incolumità, verrà incarcerato sin da subito.

Un modus operandi ricorrente

Il modo in cui agiva Sinisa K. era sempre lo stesso. I suoi attacchi avvenivano sempre nei medesimi luoghi durante il pomeriggio o verso sera. Sceglieva le sue vittime mentre camminavano o giravano in bicicletta. Inizialmente l’uomo fermava le proprie vittime, si presentava loro in maniera amichevole e poi improvvisamente le afferrava da dietro. Nel caso le donne opponessero resistenza lui le minacciava puntandogli contro un coltello o soffocandole. Una volta afferrate, il serbo le trascinava in luoghi più isolati e appartati dove le stuprava. In tutto 6 gli stupri compiuti e uno sventato. In quest’ultima occasione gli occupanti di un camper, che si trovava nei paraggi, hanno sentito le grida di aiuto dalla vittima e hanno allertato immediatamente la polizia.

Un test del DNA per incastrarlo

La prima violenza è avvenuta il 12 giugno ai danni di una 14enne che pedalava in solitaria in sella alla sua bicicletta. Tre giorni dopo è toccato a una 20enne di Bernau che tornava a casa. In questa occasione la polizia, allertata immediatamente, si è lanciata all’inseguimento, tuttavia la sua destrezza gli ha consentito di scappare. Passato quel giorno il giovane serbo ha compiuto altre 5 violenze. In una di queste occasioni le forze armate sono riuscite a bloccarlo in quanto l’uomo si è presentato una seconda volta dalla stessa vittima dopo un primo approccio fallito. Una volta in mano alla polizia l’uomo è stato sottoposto a esame del DNA il quale ha confermato i sospetti su di lui.

Berlino: stupri sempre più frequenti

Il numero degli stupri a Berlino è aumentato nel corso degli ultimi anni. Infatti, secondo un recente sondaggio della Polizia, nella Capitale ogni 10 ore una donna viene stuprata. In forte aumento anche i casi di violenza di gruppo. Ciò che più fa paura è il luogo in cui avvengono le violenze. Sempre più spesso si stanno verificando casi di stupri all’interno delle mura domestiche. Per quanto riguarda l’età degli stupratori è generalmente compresa tra i 30 e 40, ma non mancano casi di ragazzi molto giovani tra 14 e 19 anni. Inoltre, sempre secondo il sondaggio, la maggior parte sarebbe di nazionalità tedesca.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina:Violenza sulle donne Copyright:Flickr CC BY-NC-ND 2.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *