Barettino Berlin

Sfogliatelle, ragù e tanto altro. Barettino, il locale “girl power”: straordinario da colazione a cena

Due amiche hanno aperto un locale italiano da anni meta del buon gusto: siamo stati al Barettino e ancora ci lecchiamo i baffi

Maria e Djamila non hanno molto tempo per chiacchierare. Quel Barettino in stile blasfemo,fondato nel 2013, è diventato una sorta di istituzione gastronomica a Neukölln (oggi diversa da allora ma sempre affascinante) ed è sempre pieno. E loro, per quanto ormai abbiano cuochi (tra cui Luciano Sanfilippo, una vera forza della natura) e camerieri, si preoccupano di trattare ogni cliente come se fosse l’unico nel locale. Sono le 11 e trenta di un martedì di gennaio e sui tavoli interni tra santi e  madonne le sfogliatelle e i cappuccini si alternano con i primi piatti di pasta usciti dalla cucina dedicati a chi ama pranzare presto. L’odore e la vista del ragù creano una scia che verrebbe voglia di seguire come nell’episodio “portuale” di Tom e Jerry in cui il secondo, mentre dorme nascosto nella sua tana, ha i baffi tirati da un’eterea mano che altro non è che la fragranza di un formaggio distante decine di metri e pronto a prendere il largo dalla stiva di una nave (parlo di questo episodio). Maria, del resto, è romagnola, più precisamente di Cattolica, provincia di Rimini, un posto dove la “bolognese” è di casa. «Usiamo solo carne di manzo, è un ragù molto denso. Lo serviamo con degli spaghettoni, rigorosamente freschi e fatti in casa. La nostra, come scriviamo nel menù, è una “cucina della mamma”. Non c’è una pasta, nel nostro menù, che non sia fresca.Insomma, dopo mangiato devi sentirti felice e soddisfatto»

Barettino, il menù “salato”

Barettino è aperto ogni giorno da colazione fino a notte. Con il bel tempo, complice la sua bella terrazza su Reuterplatz, i cocktail fatti con liquori come si deve (il Cynar spritz va alla  grande) vengono serviti con piattini di bruschette e olive di Ischia gratis dalle 17 alle 20, e questo è un motivo in più per andarsi a fare un aperitivo. La cena però è una novità degli ultimi anni. «A lungo la consuetudine era chiudere alle 20. Tanti clienti ci chiedevano di rimanere un po’ di più e offrire anche in serata i piatti del pranzo. Ha richiesto ancora più organizzazione, ma ci piace l’idea che questo sia un locale sempre a disposizione di chi cerca buon cibo e un’atmosfera accogliente». Oltre agli spaghettoni (che servono anche con crema di burrata al profumo di ginger e limone), come pasta ci sono anche i fusilloni freschi (con ragù di salsiccia), i ravioli (verdi agli spinaci con burro e salvia o ripieni di tartufo, porcini con salsa di noci) e le classiche lasagne. Chi ha voglia di altro rimanendo tra i piatti caldi, può scegliere una zuppa di stagione, la caponata, la parmigiana di melanzane, il filetto di orata, i gamberi al cognac e pepe rosa o (qui c’è una concessione creativa molto berlinese) il carpaccio di barbabietole con salsa di guacamole e salsa cipriani. «La nostra è una carta limitata, ma di altissima qualità. L’unico modo per lavorare esclusivamente ingredienti freschi e rispettare le aspettative dei nostri clienti». I prezzi sono più che mai contenuti, gli spaghetti con burrata, per fare un esempio, costano solo 7 €. «Uova e latte sono bio, molti prodotti viene dall’Italia: forse siamo un po’ incoscienti visto che in questi anni l’affitto è salito del 150 %, ma ci piace che questo sia un locale per tutti».

Barettino a colazione, per un pranzo veloce o un aperitivo

Barettino prepara anche tanti panini belli corposi per chi vuole fare un pasto veloce. «Noi li chiamiamo panoni, perché´sono grossi. Il mio preferito è il carciocrudo con carciofo romano, mozzarella e prosciutto crudo tagliato fresco per non parlare di quello con la salsiccia siciliano, formaggio svizzero e cipolle in agrodolce che abbiamo solo di martedì. Ne cito solo due un po’ a malincuore: sono tutte nostre creazioni.» ci spiega Maria. Djamila, che rappresenta la parte tedesca della partnership, ci parla invece delle focacce: «Da quella semplice al rosmarino, al ripieno di verdure, ne abbiamo di diverso tipo. Per ogni tipo di pietanza, che siano la pasta, i panini,  o le tante torte che facciamo in laboratorio, abbiamo sempre almeno un’opzione vegana». Il nostro pranzo, dopo gli spaghettoni freschi al ragù (non potevamo non ordinarli, ps: ogni mercoledì c’è il ragù day, i mitici spaghetti con il ragù in questo giorno costano meno) si conclude con una torta alle carote spettacolare. Le sfogliatelle, normalmente sia frolle che ricce, erano già finite. «Con un nome che si richiama ai bar italiani, non potevamo non avere prodotti speciali anche per la colazione. Proprio il primo pasto della giornata è quello che rivela l’anima non solo italiana del locale: serviamo infatti anche un po’ di piatti a base di omelette per chi vuole preferisce cominciare con il salato e non il dolce».

Barettino, la storia del locale

Maria e Djamila si sono conosciute in un bar di Kreuzberg un anno prima di aprire il Barettino. Entrambe si sono approcciate alla gastronomia quando erano piccole, Maria a 15 anni facendo la stagione nei locali della costa romagnola, Djamila (che proviene dai pressi di Friburgo) a 15 grazie al ristorante di una parente. «È stata Maria a convincermi, quasi obbligarmi, ad aprire qualcosa assieme. Io peraltro avevo già un bambino, è stato come avere il secondo. All’inizio doveva essere un locale italo-tedesco, poi con il tempo l’anima italiana ha preso il sopravvento sulla scelta del menù, mentre io mi sono occupata più delle questioni burocratiche». Parallelamente al lavoro nel locale Djamila suona in una band, mentre Maria, laureata in Lingue e Letterature straniere, insegna italiano in una Volkshochschule e ha appena terminato il suo primo romanzo in tedesco ”Pizzeria due Di Cuori am Schlesi”. «Sono qui a Berlino dal 2005,in Germania da ormai venti anni. Mi piace pormi nuove sfide, sia con il locale, che con altro. Forse la verità è che non riesco a stare ferma». Quell’energia e simpatia che emerge dal suo racconto e da quello di Djamila, è la stessa che si respira da Barettino. Se passate di qui, fermatevi. A prescindere dall’orario o dell’appetito. Ne varrà la pena.

Barettino

Reuterstraße 59, 12047 Berlino

Tutti i giorni dalle 9:00 a mezzanotte

Telefono: +49 (0)30 25563034

E-Mail: barettinoberlin@gmail.com

Pagina Facebook

Questo ristorante fa parte del network True Italian, la rete dei veri locali italiani in Germania. 

Leggi anche: Da fioreria a enoteca con solo vini di piccole cantine italiane: Altrovino, piccolo gioiello nel cuore di Kreuzberg

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *