Party pedofili e droga, megablitz della polizia tedesca

L’Operazione Gartenhaus era iniziata più di un anno fa per smantellare una banda di criminali pedofili attiva in tutta la Germania

Nella mattinata di mercoledì 4 novembre la polizia ha effettuato numerose perquisizioni e arresti in tutta la Germania, ultimo atto dell’Operazione Gartenhaus, iniziata più di un anno fa. Gli investigatori sono riusciti a smantellare una banda di 14 pedofili, di età compresa tra i 30 e i 47 anni, che operavano a Berlino e in altri Länder tedeschi. I criminali, secondo quanto dichiarato dalla polizia, sono accusati di aver organizzato party in cui venivano mostrati video pedopornografici che venivano anche venduti attraverso il web. Durante il maxiblitz le forze dell’ordine hanno requisito hardisk, computer e telefonini oltre che ingenti quantità di droga e un’arma non dichiarata. Uno dei sospettati di Berlino ha posto resistenza all’arresto ferendo lievemente due poliziotti.

L’Operazione Gartenhaus era iniziata dopo che la polizia aveva iniziato a indagare su un pedofilo berlinese

Il megablitz ha visto gli agenti impegnati nella perquisizione di 15 abitazioni a Berlino e nei Länder Baden-Württemberg, Assia e Schleswig-Holstein. Dei 14 sospettati 11 vivono a Berlino nei distretti di Charlottenburg-Wilmersdorf, Friedrichshain-Kreuzberg, Pankow, Neukölln, Reinickendorf, Schöneberg e Spandau. L’Operazione Gartenhaus era partita poco più di un anno fa, nell’aprile del 2019, quando gli inquirenti avevano iniziato a indagare su un sospetto pedofilo di 47 anni residente a Berlino. Il suo appartamento era stato perquisito e gli agenti avevano trovato materiale pedopornografico che il 47enne vendeva o scambiava con altri pedofili in tutta la Germania.

Un caso che ha sconvolto persino gli investigatori della polizia criminale

Il portavoce del sindacato della polizia, Norbert Cioma, ha spiegato che le indagini sono state svolte meticolosamente per riuscire a incastrare definitivamente la banda di criminali in un caso che ha sconvolto gli stessi inquirenti. «Non c’è niente di più perfido che abusare dei bambini e arricchirsi con materiale pedopornografico» ha dichiarato Cioma. Quest’ultimo ha però denunciato la scarsità di mezzi e i pochi uomini messi a disposizione per poter completare le indagini.

Leggi anche Arrestato in Francia italiano accusato di 160 stupri di minori in Germania

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Polizia da Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *